FF

giovedì 3 gennaio 2019

0 CHRISTOPHER LASCH E LA CULTURA DEL NARCISISMO


Il libro di Christopher Lasch, La cultura del narcisismo, permette di analizzare innanzitutto il suo contributo sullo studio del narcisismo nella teoria culturale, perché affronta in modo approfondito il concetto di narcisismo, i suoi criteri diagnostici, la sua rilevanza come sindrome della società moderna e la sua applicazione alle questioni culturali. Probabilmente non ci sono altri studi che ci forniscano una diagnosi più approfondita del narcisismo culturale.
Riguardo alle possibilità di applicare la nozione di narcisismo alla società, il libro di Lasch usa il concetto di narcisismo come mezzo per analizzare i recenti sviluppi della società americana, ma anche per criticarli duramente. In una postfazione scritta nel 1990, Lasch la caratterizza come un "tentativo [...] di esplorare la dimensione psicologica dei cambiamenti a lungo termine nella struttura dell'autorità culturale".  Tuttavia, questa esplorazione si basa sul presupposto che i disturbi narcisistici della personalità siano in aumento nella società americana. Quindi, l'obiettivo reale del libro è stabilire una connessione tra i cambiamenti nella struttura sociale e l'aumento dell'incidenza del narcisismo. Citando pubblicazioni cliniche, Lasch menziona i seguenti tratti caratteriali del narcisista patologico: "dipendenza dal calore vicario fornito dagli altri combinato con una paura di dipendenza, un senso di vuoto interiore, una rabbia repressa sconfinata e voglie orali insoddisfatte." Inoltre, elenca quelli che lui chiama "tratti secondari""pseudo autovalutazione, calcolo della seduttività, dell'umore nervoso, autoironia." Ciò non può essere descritto come una caratterizzazione positiva. Stabilendo connessioni causali tra gli sviluppi nella società e l'aumento dell'incidenza delle personalità narcisistiche, Lasch cerca di chiarire cosa sta andando storto negli USA del tardo capitalismo.
Questo è il motivo per cui La cultura del narcisismo appartiene alla categoria di testi che criticano la società sostenendo che promuove il narcisismo negli individui.
Nel corso della sua argomentazione, Lasch discute cambiamenti cruciali nell'etica del lavoro (capitolo III), la "spettacolarizzazione" della politica da parte dei mass media e dell'industria della pubblicità, nonché la perdita di un sentimento per la realtà in una società assorbita da consapevolezza e coltivazione dell'immagine (capitolo IV), declino e banalizzazione dello sport attraverso la sua mercificazione (capitolo V), gli standard decadenti dell'educazione nelle scuole e nelle università a causa della loro presunta ricerca di efficienza (capitolo VI), l'usurpazione dell'educazione dei figli dallo Stato con la sostituzione di tutti i tipi di autorità - genitori, rappresentanti pubblici o superiori - con forme terapeutiche di controllo sociale (capitolo VII), i cambiamenti nei rapporti sessuali, le strutture familiari e le relazioni di genere (capitolo VIII), e il modo di affrontare l'età e la morte (capitolo IX). Nell'ultima sezione (capitolo X), riassume le sue scoperte sotto il titolo "Paternalismo senza padre" e mette in correlazione questo con il capitalismo aziendale e le sue rivendicazioni sull'individuo.
Le tesi centrali di Lasch possono essere riassunte come segue: il superamento del feudalesimo da parte del capitalismo ha portato a una forma di governo burocratica e impersonale, che si adatta alle esigenze del capitalismo aziendale. In questo processo, un'etica terapeutica è diventata una leva decisiva del potere, negando la conoscenza essenziale individuale che era stata precedentemente tramandata da una generazione all'altra, per esempio come allevare i bambini, come produrre alimenti di base o come affrontare ragionevolmente questioni di salute o età. Ha anche rimpiazzato il senso di colpa con la malattia (i criminali vengono ora visti come vittime del loro ambiente sociale e familiare), con il risultato che nessuno è ritenuto responsabile delle proprie azioni. Invece, le persone sono diventate disorientate e indifese a causa della loro dipendenza da istituzioni, esperti e terapeuti. Allo stesso tempo, l'industria pubblicitaria crea il bisogno di "autorealizzazione" e fa sì che la gente insegua desideri che non possono essere soddisfatti, invece di accettare i loro vincoli e imparare a ricavare gratificazione dalla sublimazione (amore, lavoro, famiglia). Il principale avversario di Lasch è "il liberalismo del benessere, che assolve gli individui dalla responsabilità morale e li tratta come vittime delle circostanze sociali".
Per quanto riguarda l'applicazione di un concetto psichiatrico alla società, Lasch è consapevole delle possibili difficoltà e mette in guardia contro i cortocircuiti e le analogie troppo semplici.
Come propone di concettualizzare la convergenza delle due sfere? La sua argomentazione si basa sull'assunto che esiste una connessione generale tra la società - in particolare le sue strutture di potere - e le strutture della personalità: "Ogni società riproduce la sua cultura - le sue norme, i suoi presupposti, i suoi modi di organizzare l'esperienza - nell'individuo e nella forma della personalità". Lasch si riferisce ad Adorno ed Emile Durkheim per sostenere questa affermazione. In questa prospettiva, il frequente verificarsi di un particolare disturbo mentale indica un problema generale nel modo in cui la società è organizzata. La patologia è vista come una "versione accresciuta della normalità"; rende gli sviluppi generali o i fenomeni più visibili.
Sulla base di questa ipotesi generale, Lasch propone due modi per spiegare come la personalità è modellata dalla società, senza specificarli come due diversi modelli. Il primo modello è esplicitamente enunciato: fa riferimento al concetto psicoanalitico del Super-io e al suo sviluppo sulla base dell'identificazione con le figure dell'autorità (parentale). Se l'autorità istituzionalizzata declina, il Super-io è alimentato invece da impulsi aggressivi dall'es, diventando in tal modo notevolmente duro e punitivo. Costringe il sé a regredire a "un sé grandioso, narcisistico, infantile, vuoto". Viceversa, lo sviluppo di un Super-io moderato, ma fermo e orientato verso la realtà dipende da una valutazione realistica dell'autorità genitoriale e dalla sua integrazione mediante l'identificazione amorevole. Il Super-io non è solo "l'agente della società nella mente", ma è anche un indicatore delle esperienze dell'individuo con la società, che si traducono in equilibrio psichico o squilibrio.
Tuttavia, Lasch si basa in maggior misura su un altro modello di concettualizzazione della relazione tra società e tratti caratteriali. La maggior parte delle sue argomentazioni si basano sul presupposto che la società promuova tratti particolari della personalità premiandoli o creando dilemmi che richiedono questi tratti per essere risolti. In questo senso, la "società narcisistica" è definita come "una società che dà sempre più risalto e incoraggiamento ai tratti narcisistici"
Se esaminiamo più dettagliatamente l'argomentazione del libro di Lasch, troviamo tre modi principali di concettualizzare la promozione dei tratti della personalità narcisistica:
1. Ricompensa finanziaria e simbolica: posti di lavoro ben retribuiti - in particolare le posizioni dirigenziali nelle corporazioni - non richiedono più il successo, ma piuttosto i tratti della personalità narcisistica.
2. Il narcisismo come la migliore soluzione disponibile per far fronte alle ansie e alle insicurezze create dalla società. Lasch evidenzia in particolare le ideologie terapeutiche che promuovono gli sviluppi normativi. Se tutto è misurato in base a una norma scientificamente determinata, le persone sono costrette a scrutare se stesse (i loro corpi, la salute, l'invecchiamento, ecc.). Diventano costantemente spaventati dal non conformarsi agli standard, invece di sviluppare una distanza critica dal pensiero normativo e fare affidamento sulla conoscenza derivante dal buon senso.
3. L'ubiquità delle realtà virtuali sfuma il nostro senso della realtà e dei nostri luoghi. Lasch sottolinea come l'industria pubblicitaria, attraverso i mass media, abbia sostituito i criteri di informazione "falsa" o "vera" con la credibilità dell'informazione. Ogni aspetto della vita è attratto dal pervasivo mondo virtuale e influenzato dalla logica della finzione. Ciò porta anche a una "degenerazione della politica in spettacolo".

In breve, il narcisismo è in aumento - in primo luogo, perché è ricompensato; secondo, perché si presenta come una soluzione alle angosce e alle tensioni; terzo, perché è congruente con la "spettacolarizzazione" della società. Per quanto questo argomento sia convincente, un'ispezione più ravvicinata mostra che la spiegazione delle connessioni tra società e personalità rimane insoddisfacente. Sotto vari aspetti, la logica di causa ed effetto sembra essere invertita: non è la società che crea individui narcisistici, ma piuttosto persone narcisiste che danno alla società una certa forma.
Ad esempio, Lasch elabora a lungo la sua riflessione sulla famiglia indebolita perché molte delle sue funzioni e competenze vengono trasferite a istituzioni ed esperti pubblici. Con riferimento alla teoria del narcisismo di Kohut, Lasch sottolinea che la connessione ideale madre-figlio fornisce "una frustrazione ottimale". Altrimenti, il bambino non può interiorizzare l'immagine della madre amorevole e allo stesso tempo sviluppare un'adeguata valutazione della realtà (la fallibilità della madre). Mentre i padri sono assenti la maggior parte del tempo, le madri non riescono a occuparsi dei bisogni dei loro figli in un modo adeguatamente affettuoso ma giudiziosamente frustrante. Tuttavia, questo scenario non riesce a spiegare l'aumento dell'incidenza delle personalità narcisistiche, perché presuppone una madre narcisistica. Lasch si sposta da un resoconto dei modi in cui il narcisismo si sviluppa in uno specifico tipo di famiglia a una descrizione di come una madre narcisista produce un bambino narcisista. Allo stesso modo, Lasch descrive le relazioni sessuali contemporanee come caratterizzate da personalità narcisistiche. Stabilisce una connessione allentata con la decadenza della famiglia, del matrimonio e dell'emancipazione delle donne ma perché questi sviluppi logicamente implicano il narcisismo rimane poco chiaro.

Fonti:

Christopher Lasch, La cultura del narcisismo. L'individuo in fuga dal sociale in un'età di disillusioni collettive, Bompiani, Milano, 2001



Christopher Lasch, L' io minimo. La mentalità della sopravvivenza in un'epoca di turbamenti, Feltrinelli, Milano, 2004
 

Bollettino Culturale Copyright © 2016 | Created by Tarosky | Powered by Blogger Templates