FF

domenica 14 giugno 2020

0 LA TEORIA DEL VALORE DI MARX PER IL SOCIALISMO DI MAKOTO ITOH



Questo documento è stato originariamente preparato per una conferenza su Karl Marx e il Capitale in India che si sarebbe tenuta a Kerala nel settembre 2018, che purtroppo è stata annullata a causa di una disastrosa alluvione. Vorrei esprimere la mia gratitudine agli organizzatori della conferenza, in particolare al professor C.P. Chandrasekhar, che mi ha generosamente invitato a presentare questo documento. Sono anche grato al professor Ken Kawashima dell'Università di Toronto che ha gentilmente curato questo documento.


Introduzione


La crisi pandemica a seguito della crisi dei subprime ci spinge seriamente a ripensare le possibilità teoriche del socialismo a favore di una vita economica più egualitaria per la maggior parte dei lavoratori oltre il capitalismo. Karl Marx non ha disegnato progetti per il socialismo a differenza dei precedenti socialisti utopici. Il suo lavoro vitale, il Das Kapital, si concentra totalmente nella spiegazione dei principi dell'economia di mercato capitalista. Tuttavia, quasi in ogni parte o capitolo di questo grande lavoro, ci vengono suggerite interessanti possibilità teoriche per il socialismo oltre il capitalismo. Possiamo leggere in essi modelli molto più ampi di socialismo alternativo del 21° secolo rispetto al modello del 20° secolo rappresentato dal modello sovietico. Vorrei riesaminare la teoria del valore di Marx come un caso tipico, basato sul mio lavoro precedente.

In seguito al contributo di Kozo Uno, le implicazioni nelle teorie originali di Marx sulle forme e sulla sostanza del valore sono riconsiderate per il socialismo nella nostra epoca nella sezione 1. Le possibili funzioni delle forme socialiste di denaro e prezzi sono riesaminate nella sezione 2. Un problema teorico, che è stato lasciato da Marx, riguardante il trattamento del lavoro complesso sarà discusso di nuovo in vista del socialismo alternativo nella sezione 3.



Le forme e la sostanza del valore



Un punto importante su cui l'economia politica di Marx è superiore all'economia politica classica rappresentata da Smith o Ricardo è il riconoscimento teorico del carattere storicamente specifico dell'economia capitalista. Questo punto è significativo anche nella teoria di base del valore. Più concretamente, oltre alla distinzione tra valore d'uso e valore come i due fattori della merce in accordo con la scuola classica, il concetto stesso di valore è strutturalmente raddoppiato nelle forme e nella sostanza del valore da Marx, come ho sottolineato altrove.

Le forme di valore derivano da relazioni sociali storicamente specifiche tra le materie prime da scambiare e si sviluppano nella forma monetaria, o nella forma dei prezzi, delle merci, così come nelle forme di capitale. L'economia politica classica non è mai riuscita nelle analisi teoriche di queste forme di valore, fintanto che ha trascurato il carattere storicamente specifico di un'economia delle materie prime e del capitalismo, come ha criticato Marx.

In combinazione con questo riconoscimento, Marx ha anche chiarito che il processo lavorativo è la condizione universale per l'interazione metabolica tra l'essere umano e la natura, comune a tutte le forme di società.



Nella lunga storia precapitalista delle società umane, il processo del lavoro e i prodotti del lavoro erano per lo più estranei alle forme di valore. Il tempo di lavoro incorporato in prodotti utili non costituiva la sostanza del valore fintanto che i prodotti non erano merci, nel caso dell'autoconsumo dei contadini, dell'affitto pagato in grano al signore feudale o nella reciprocità comunitaria generale e ridistribuzione dei prodotti.

Solo quando i prodotti hanno ricevuto una forma di merce e sono stati sussunti sotto forma di valore, il tempo di lavoro incorporato in essi è diventato la sostanza del valore. Solo attraverso il processo capitalistico di produzione sul terreno sociale della mercificazione della forza lavoro, tutti i prodotti hanno preso una forma di merce con una necessità sociale, il che rende inevitabilmente il tempo di lavoro incorporato in esse la sostanza sociale del valore.



Pertanto, la concezione gemella (le forme e la sostanza) del valore riflette le origini eterogenee. Come sottolinea Marx, "lo scambio di merci inizia dove le comunità hanno i loro confini, al loro contatto con altre comunità o con i membri di queste ultime".

Le forme di valore in un'economia delle materie prime, come la forma dei prezzi, hanno quindi origine essenzialmente nelle relazioni economiche che sorgono esogenemente tra società comuni, e quindi può fondamentalmente essere più o meno indipendente dalle relazioni quantitative endogene del processo sociale del lavoro che si manifesta all'interno delle società. Il riconoscimento teorico di Marx sull'origine dello scambio di merci è chiaramente superiore alla convinzione di A. Smith che lo scambio di merci abbia origine nella propensione naturale intrinseca umana a scambiare una cosa con un'altra, in vista della lunga storia pre-moderna degli ordini comunali sociali interni.

Il duplice concetto delle forme e della sostanza del valore implica qualitativamente che le società socialiste al di là del capitalismo possono o mirare ad abbandonare le forme di valore per costruire un'economia pianificata senza mercato, o usarle sotto controllo sociale per costruire il socialismo di mercato sulla base della proprietà comune dei mezzi di produzione.

Marx sembra credere che la comunità socialista come "un'associazione di uomini liberi, che lavora con i mezzi di produzione tenuti in comune" possa organizzare il processo di lavoro sociale e la distribuzione di prodotti senza meccanismi di mercato. Tuttavia, il suo riconoscimento teorico, secondo cui le forme di economia di mercato sono apparse come relazioni economiche inter-sociali in epoca molto antica, potrebbe essere reinterpretato per suggerire che alcune forme di economia di mercato possono essere utilizzate come meccanismo di regolazione per organizzare vari processi di lavoro socializzati come modelli di socialismo di mercato sulla base della proprietà comune dei mezzi di produzione.

In retrospettiva, la NEP di Lenin (1921-1928), come primo tentativo di creare un modello di socialismo di mercato, può essere considerato coerente con la teoria di base del valore di Marx in questo senso. Tra gli economisti politici marxisti contemporanei, dopo il fallimento del tipo sovietico di società vengono presentate ampie varietà di socialismo futuro. Nella mia lettura, la teoria del valore di Marx può essere utilizzata sia per sostenere un'economia pianificata veramente democratica, sia per presentare modelli ideali di socialismo di mercato. Il fatto che Marx non abbia disegnato schemi per il socialismo ci consente di concepire varie possibilità per le società future oltre il capitalismo sulla sua teoria economica come opzioni che i lavoratori di nazioni o società possono scegliere in modo flessibile in base alle proprie condizioni storiche e culturali.




Possibilità di forme di prezzo socialista



Nel tipo sovietico di economia pianificata dopo il periodo NEP, l'economia di mercato è stata ufficialmente esclusa. Tuttavia, l'idea di Marx di utilizzare il tempo di lavoro come unità di conto economica trasparente per elaborare un piano associativo per la produzione e per il consumo tra i lavoratori non è stata effettivamente realizzata. Invece, una forma di prezzo socialista (quasi) misurata da un tipo di denaro (quasi) socialista, come il rublo, è stato continuamente utilizzato. Cosa significa questo?



Per prima cosa, non deve essere facile identificare e calcolare il tempo di lavoro incorporato in ciascun prodotto (ti per il suo prodotto), compreso non solo l'input di lavoro diretto del processo finale di produzione, ma anche il tempo di lavoro indiretto trasferito dai mezzi di produzione consumati. Dobbiamo formulare milioni di equazioni simultanee che rappresentano le funzioni di produzione di tutti i prodotti e risolverle per determinare le quantità sconosciute di tempo di lavoro incorporate in ciascuno di tutti i prodotti (ti). Era chiaramente impraticabile data la tecnologia informatica dell’epoca.

Pertanto, il piano quinquennale sovietico iniziò in realtà con prezzi pianificati ufficialmente che imitavano i prezzi nel periodo precedente alla Prima guerra mondiale e poi li alterava di volta in volta sui principi del prezzo di costo maggiorato. Il piano utilizzava i dati di input-output fisici come tabella delle relazioni intersettoriali sia in termini di valori d'uso che a tali prezzi ufficiali. Un tale sistema di prezzi era più vicino alla teoria dei prezzi di equilibrio di Sraffa piuttosto che alla teoria del valore-lavoro di Marx.


I prezzi ufficiali previsti non erano soggetti al movimento anarchico di domanda e offerta. Erano quindi abbastanza diversi dai prezzi nell'economia di libero mercato. Tuttavia, potrebbero servire a sostenere diversi decenni di performance e crescita economica sovietica oltre la maggior parte dei paesi capitalisti, come esperimento per la possibilità di modelli molto più democratici di economia pianificata per il futuro.

Per prima cosa, i prezzi ufficialmente previsti erano utili anche come unità di contabilità macroeconomica. Anche se il tempo di lavoro incorporato nei prodotti sociali è misurabile, non può fungere da unità contabile per la crescita macroeconomica. Poiché un determinato numero di lavoratori con determinate ore di lavoro annuali non comporterebbe alcuna crescita economica in termini di tempo di lavoro. Non esiste un'unità fisica commisurabile tra i diversi valori d'uso dei prodotti. L'aggregazione di acciaio, TV, magliette in termini di tonnellate non ha senso.

Di solito assumiamo che le proporzioni interne dei prodotti rimangano pressoché costanti, nel valutare il conto nazionale macroeconomico del GDP o del NDP in termini di prezzi costanti, quando si misura la crescita del prodotto totale di una nazione.

Allo stesso modo, fintanto che la composizione dei prodotti sociali è convenzionalmente considerata invariata con prezzi costanti, allora una variazione nella distribuzione del reddito monetario tra lavoratori, imprese, Stato o regioni può essere facilmente assunta approssimativamente per rappresentare un cambiamento nella distribuzione dei prodotti nazionali tra loro. Una tale funzione del denaro per misurare la crescita economica reale nazionale macroeconomica e il reddito netto reale è stata chiarita nel XX secolo, insieme allo sviluppo di teorie e statistiche macroeconomiche nei paesi capitalisti. Non era ancora abbastanza chiaro nella teoria di base di Marx sulle funzioni del denaro. È evidente che in un'economia pianificata come quella sovietica i prezzi fissi ufficialmente potrebbero servire a misurare la crescita economica reale nel conto nazionale non meno dei prezzi di mercato capitalistici.


In vari modelli di socialismo di mercato, la forma del prezzo socialista si avvicinerebbe ai prezzi di mercato liberi e competitivi sotto il capitalismo. Dal momento che quei modelli proposti nei movimenti di riforma socialista dell'Europa Orientale, sono stati progettati per utilizzare le funzioni del mercato più libero nel promuovere incentivi all'allocazione delle risorse e del lavoro in modo più efficace in accordo con le esigenze sociali, nonché razionalmente per economizzare il metodo di produzione promuovendo innovazione. Allo stesso tempo, la maggior parte dei modelli di socialismo di mercato intende ridurre il potere statale ipertrofico in un'economia pianificata centralmente come quella sovietica.

O in un'economia socialista pianificata o in un socialismo di mercato, i prezzi dei prodotti possono teoricamente essere impostati direttamente proporzionali al tempo di lavoro incorporato in essi, se non vi è lavoro in eccesso in tutti i processi di produzione. Marx ha formulato un semplice processo di creazione di valore (Wertbildungsprozess) prima di un processo di valorizzazione nel Capitale. Nel suo esempio numerico lì, un lavoratore riceve tre scellini come forma di valore della sua forza lavoro al giorno in modo da acquistare mezzi di consumo medi giornalieri contenenti 6 ore di tempo di lavoro, necessari per riprodurre la forza lavoro, e lavora 6 ore come valore d'uso della sua forza lavoro per una fabbrica di cotone capitalista. Il lavoratore produce 10 libbre di filati di cotone dello stesso peso di cotone grezzo, che contiene 20 ore di manodopera, ed è stato acquistato da 10 scellini. 1/4 del mandrino è usurato in questo processo, che vale due scellini e 4 ore di manodopera.

Fino a quando non viene aggiunta manodopera in eccesso alle ore di lavoro necessarie in tutti i processi di produzione, 10 libbre di filati di cotone devono avere 15 scellini in forma di prezzo con una sostanza di lavoro direttamente proporzionale di 30 ore in totale, in modo da mantenerne la produzione. La stessa proporzionalità deve essere realizzata nel prezzo e nella sostanza-manodopera in caso di forza lavoro, così come cotone greggio, fusi e altri prodotti. Anche nel caso in cui una giornata lavorativa sia estesa a 12 ore, alle stesse condizioni tecnologiche, devono essere mantenute le stesse relazioni sociali direttamente proporzionali tra i prezzi e il tempo di lavoro, a condizione che ai lavoratori vengano pagati sei scellini per ottenere mezzi con prodotti contenenti 12 ore del tempo di lavoro senza fare pluslavoro.

Nella sua essenza questo modello è identico al modello di produzione per la sussistenza nel primo capitolo di Sraffa. Se applicato all'economia socialista, è concepito come un modello di massimo salario (salario socialista). In un'economia pianificata, i prezzi devono essere adeguati in proporzione al tempo di lavoro incorporato nei prodotti, in modo da mantenere la riproduzione. Nel socialismo di mercato, i prezzi di mercato dei prodotti possono variare, ma devono oscillare attorno a prezzi simili in proporzione al tempo di lavoro, a condizione che la base tecnologica della produzione rimanga invariata.

Come nota Marx, "un certo quantitativo di manodopera in eccedenza è richiesto come assicurazione contro gli infortuni e per la progressiva estensione del processo di riproduzione necessario per stare al passo con lo sviluppo dei bisogni e il progresso della popolazione".

Nell'economia socialista la funzione di tale lavoro in eccesso (lavoro in eccedenza) è, tuttavia, interamente per il bene dei lavoratori, non per una classe dominante, a differenza delle società di classe inclusa l'economia capitalista. La parte del tempo di lavoro necessaria per sostenere il consumo comune nel campo dell'istruzione, dell'assistenza e dei servizi medici, dei trasporti pubblici e delle pensioni può essere piuttosto estesa nelle società socialiste.

In un'economia socialista con un salario massimo, i fondi necessari per sostenere il consumo comune insieme a servire come pluslavoro per l'assicurazione e l'estensione della produzione devono essere versati dai salari sotto forma di imposte. Ciononostante, le economie socialiste possono organizzare tali modelli di salario totale o massimo come l'economia pianificata o il socialismo di mercato sulla base della proprietà pubblica dei mezzi di produzione.

In confronto, nel tipo di socialismo sovietico, i salari sono stati ridotti a una porzione molto più piccola dell'intero reddito nazionale netto prodotto dal tempo di lavoro speso annualmente dai lavoratori, per due ragioni. In primo luogo, i bisogni sociali di un surplus di manodopera per sostenere un'estensione più rapida delle industrie pesanti, specialmente a fini militari, erano maggiori in proporzione al reddito nazionale rispetto alla maggior parte delle principali economie capitaliste. In secondo luogo, i fondi per sostenere il consumo comune pubblico dovevano essere fissati in misura maggiore in proporzione al reddito nazionale.

Di conseguenza, nel modello sovietico, i salari erano probabilmente ridotti molto di più nella sostanza del lavoro nel lavoro totale per produrre reddito nazionale, anche in confronto ai salari normali nelle economie capitaliste. Il surplus sociale potrebbe quindi essere facilmente superiore ai costi salariali dei prezzi dei prodotti nella maggior parte delle imprese pubbliche. I burocrati statali furono facilmente abilitati a raccoglierlo e manipolarlo come una potente fonte del loro status privilegiato per controllare l'intera economia. Le relazioni sociali tra i prezzi basate sui salari e il notevole tempo di lavoro trascorso e incarnato nei prodotti erano tutt'altro che trasparenti, ma poco chiari. Come possiamo realizzare l'idea di Marx di realizzare la democrazia associativa dei lavoratori, senza una visione trasparente delle relazioni sociali sul tempo di lavoro nella riproduzione reciproca delle attività economiche?

Questo problema riguarda anche i modelli di socialismo di mercato nel periodo post-sovietico, anche se non è facile da risolvere all'istante. Almeno deve essere una questione essenziale come stabilire il controllo democratico sui salari, compresa la possibilità di stabilire il modello massimo di salari, a condizione che la de-mercificazione della forza lavoro venga posto come un obiettivo fondamentale per il socialismo per raggiungere la proprietà comune dei mezzi di produzione.


Una teoria egualitaria del lavoro


Il socialismo, incluso il marxismo, sostanzialmente rappresenta una visione egualitaria dell'essere umano. Tuttavia, permane un problema che può contraddire questa visione nell'applicazione della teoria del valore-lavoro di Marx al socialismo: vale a dire il problema del lavoro complesso.

Marx definisce che il lavoro che genera valore deve essere del grado medio normale di abilità e intensità del lavoro prevalente nella società.

Nel caso dello stesso tipo di lavoro utile che produce lo stesso prodotto, è facile confrontare il grado di abilità e intensità del lavoro con la quantità di lavoro raggiunta durante un determinato periodo di tempo. Le moderne condizioni di produzione, utilizzando macchinari e ulteriori sistemi di automazione, tendono ad uniformare il risultato del lavoro dopo un periodo di formazione relativamente breve e a rendere i lavoratori ampiamente intercambiabili. Questa tendenza è stata promossa anche da un livello elevato di istruzione generale.

Quando si confrontano diversi tipi di lavoro utile, il lavoro specializzato viene chiamato lavoro complesso. In questo caso è difficile misurare il grado di abilità e intensità del lavoro, poiché il risultato del lavoro, cioè i diversi tipi di prodotti, sono fisicamente incommensurabili. La risoluzione di Marx per ridurre il lavoro complesso in lavoro semplice, come leggiamo di seguito, non ci presenta una base sociale teoricamente solida per il calcolo ed è piuttosto problematica.


“Il lavoro più complesso conta solo come lavoro semplice intensificato, o piuttosto moltiplicato, cosicché una minore quantità di lavoro complesso è considerata uguale a una maggiore quantità di lavoro semplice. L'esperienza dimostra che questa riduzione viene costantemente effettuata. Una merce può essere il risultato del lavoro più complicato, ma attraverso il suo valore rappresenta solo una quantità specifica di lavoro semplice, quindi rappresenta solo una quantità specifica di lavoro semplice. Le varie proporzioni in cui diversi tipi di lavoro sono ridotti al semplice lavoro man mano che la loro unità di misura è stabilita da un processo sociale che si svolge dietro le spalle dei produttori. Queste proporzioni sembrano quindi essere state tramandate dalla tradizione ai produttori.”


Che cosa significa "un processo sociale che si svolge dietro le spalle dei produttori" per determinare le proporzioni in cui i diversi tipi di lavoro sono ridotti al semplice lavoro? Ricardo segue Smith e conclude che le proporzioni continuano pressoché le stesse da una generazione all'altra, e quindi possono avere scarso effetto sui valori relativi delle materie prime per un breve periodo. Marx sembra in un certo senso stimare tale riconoscimento quando afferma che questa proporzione sembra ai produttori essere tramandata per tradizione. Tuttavia, questa affermazione non spiega teoricamente come vengono determinate queste proporzioni.

Se seguiamo Rubin e concepiamo il lavoro umano astratto come dedotto dalle forme di prezzo in un mercato, le proporzioni in questione sono teoricamente determinate da prezzi relativi ai prodotti di base da manodopera complessa contro semplici prodotti da lavoro. Tuttavia, questo tipo di interpretazione deve contraddire la logica di base della teoria del valore di Marx che intende spiegare i valori di scambio o i prezzi relativi dal tempo di lavoro oggettivo incarnato nelle merci. Von Bohm Bawerk ha già criticato una possibilità di spiegazione circolare su questo tema.

Pertanto, una serie di teorici marxisti a partire da Hilferding, seguiti da Okishio e Rowthorn, hanno presentato una visione più tecnologica. Secondo questo tipo di interpretazione, il valore della forza lavoro complessa deve contenere tempo di lavoro educativo e formativo nel passato. Questa parte della sostanza di valore della forza lavoro complessa viene trasferita ai prodotti di base come la sostanza di valore del capitale costante (o capitale investito in materie prime e macchinari), oltre al lavoro semplice appena esaurito, che contiene sia il tempo di lavoro necessario per riprodurre la forza lavoro semplice sia il tempo di lavoro in eccesso.

Questo tipo di interpretazione, tuttavia, contraddice la posizione teorica di Marx secondo cui la sostanza di valore della forza lavoro non viene trasferita ai prodotti, a differenza della sostanza di valore del capitale costante, e viene riprodotta dal lavoro vivente insieme al lavoro in eccesso. Soprattutto in un caso di economia socialista (in senso lato inclusivo socialdemocratico), in cui i costi di istruzione e formazione per far crescere la forza lavoro complessa necessaria alla società sono offerti come parte del consumo comune socializzato, essendo esenti da spese individuali, ad esempio i costi dell'istruzione e della formazione non devono essere considerati come un valore aggiuntivo di forza lavoro complessa. È anche molto dubbio se il lavoro complesso sia più intenso e condensato da svolgere rispetto al lavoro semplice. Finché il lavoro complesso viene svolto da specialisti supportati da istruzione e formazione, può essere in gran parte ancora più piacevole e divertente da fare. Considerando che qualsiasi lavoro semplice è anche una spesa di capacità umana essenzialmente comune di eseguire una vasta gamma di lavori sulla base di potenziali mentali e fisici che spesso combinano diversi tipi di lavoro utile.
Perché il lavoro umano astratto non è concepito come un comune carattere di base per svolgere diversi tipi di lavoro utile, compresi diversi tipi di complessità e semplicità?

In un'economia capitalista, i costi dell'istruzione e della formazione necessari per far crescere la forza lavoro complessa tendono a nascere dalle spese individuali (o familiari). Questi costi devono essere compensati da un elevato valore di forza lavoro complessa in modo da consentire la riproduzione di lavoratori complessi necessari per una società. Nel caso in cui un valore così elevato di forza lavoro complessa possa includere una certa quantità di surplus oltre i costi reali per la riproduzione in condizioni di mercato favorevoli, anche una nozione di teoria del capitale umano come quella di Becker appare plausibile.

In un'economia capitalista, dove i costi educativi più elevati per far crescere la complessa forza lavoro sono fondamentalmente nati individualmente (insieme alla privatizzazione dell'istruzione superiore nella nostra era di neoliberismo), i redditi da lavoro sotto forma di salari devono strutturalmente differenziare i lavoratori riducendo la mobilità sociale egualitaria. Poiché i costosi costi di istruzione e formazione superiori escludono in modo discriminatorio la possibilità per i bambini di famiglie più povere di diventare lavoratori complessi con un reddito più elevato.

Fintanto che la sostanza sociale del valore è il tempo di lavoro umano astratto, comune a vari tipi di lavoro utile e attraverso il lavoro semplice e complesso, l'elevato valore della forza lavoro complessa deve tradursi nella riduzione del tasso di plusvalore nel caso di lavoro complesso. A mio avviso, la fondamentale comprensione teorica egualitaria di Marx sulla potenzialità umana per il lavoro dovrebbe essere completata nel risolvere il complesso problema del lavoro in questa direzione.

Tuttavia, Marx non risolse questo problema e sostenne che il lavoro complesso si intensifica e moltiplica il lavoro semplice, seguendo Smith e Ricardo.

Di conseguenza, quando contemplava la distribuzione dei mezzi di consumo attraverso i certificati di lavoro nella fase inferiore della società comunista, riconosceva "un diritto disuguale per il lavoro disuguale" in base a "disparità di dotazione individuale e capacità produttiva dei lavoratori come privilegi naturali", poiché la società è ancora "gravata da una limitazione borghese".

Nelle società di tipo sovietico vi furono tentativi di legittimare i vari gradi di privilegio per la vita economica dei burocrati statali e di partito, facendo ricorso al punto di vista di Marx secondo cui un diritto borghese disuguale derivante da una disparità di capacità lavorativa deve rimanere nella fase inferiore del comunismo. Tuttavia, se i costi di istruzione e formazione per il lavoro complesso sono socializzati, questi costi non devono più essere compensati dai salari più alti dei lavoratori complessi.

Inoltre, un diritto fondamentalmente uguale derivante dalla spesa di una capacità umana universale di lavorare in diversi tipi di lavoro utile o in diversi tipi di complessità dovrebbe essere generalmente riconosciuta dalla fase iniziale delle società comuniste o socialiste. In effetti, qualsiasi tentativo di valutare la quantità di lavoro speso in varie attività complesse come lavoro semplice intensificato o moltiplicato, all'interno di imprese capitaliste o nella pianificazione socialista burocratica, deve essere stato facilmente arbitrario, spesso gonfiato senza una misura oggettiva teoricamente o praticamente .

Certamente, la disparità di distribuzione dei mezzi di consumo può essere introdotta in qualsiasi tipo di società socialista sulla base del consenso sociale democratico. Ad esempio, la distribuzione può variare in base alle esigenze differenziate dal numero di membri della famiglia da sostenere o in base alla motivazione e all'incentivo al lavoro per determinati tipi di lavoro.

Tale consenso dovrebbe basarsi sul riconoscimento che una determinata durata del tempo di lavoro di qualsiasi forma, tipo e livello di abilità concreti, indifferente anche al genere e ad altre discriminazioni sociali, contribuisce ugualmente alla società. Una base sociale definitiva per la democrazia economica egualitaria deve essere realizzata in tale consenso.

Da un tale punto di vista, gli obiettivi che Marx ha fissato per il comunismo della fase superiore, come "a ciascuno secondo i suoi bisogni", o la distribuzione secondo i bisogni, così come la risoluzione dell'antitesi tra lavoro intellettuale e manuale, non dovrebbero essere rimandate fino allo stadio remoto delle società socialiste altamente sviluppate, ma essere incorporate per quanto possibile nei compiti della fase inferiore del socialismo, o persino sotto il socialismo in un senso più ampio, compresa la socialdemocrazia nel mondo attuale.

Bibliografia

Bardhan, P. K., and J. E. Roemer, eds. 1993. Market Socialism. New York, NY; Oxford, UK: Oxford University Press.

Becker, G. 1964. Human Capital. New York, NY: Columbia University Press. doi: 10.1086/ahr/70.1.169.

Hilferding, R. 1904. von Bohm -Bawerks Marx-Kritik. Translated and edited by P. Sweezy (1966).

Itoh, M. 1980. Value and Crisis. London, UK; Pluto and New York, NY: Monthly Review Press.

Itoh, M. 1988. The Basic Theory of Capitalism. London, UK: Macmillan and New York, NY: Barnes & Noble.

Itoh, M. 1995. Political Economy for Socialism. London, UK: Macmillan and New York, NY: St. Martin’s Press.

Kotz, D. 2015. The Rise and Fall of Neoliberal Capitalism. Cambridge, MA: Harvard University Press.

Marx, K. 1867, 85, 94. Capital, I, II, III. Translated by B. Fowkes and D. Fernbach. Harmondsworth, UK: Penguin, 1976, 78, 81.

Marx, K. 1875. “Critique of Gotha Programme.” In MECW, 24. Moscow, USSR: Progress Publishers.

Okishio, N. 1963. “A Mathematical Note on Marxian Theories.” In Nouo Okishio Essays on Political Economy, edited by M. Krueger and P. Flaschel. Frankfurt am Main, Germany: Peter Lang, 1993.

Ricardo, D. 1817. On the Principles of Political Economy and Taxation. Edited by P. Sraffa. Cambridge, UK: Cambridge University Press, 1951.

Rowthorn, R. 1980. Capitalism, Conflicts and Inflation. London, UK: Lawrence and Wishart, chap. 8.

Rubin, I. I. 1928. Essays on Marx’s Theory of Value. Translated by M. Samardzija and F. Perlman. Detroit, Michigan: Black and Red, 1972.

Smith, A. 1776. An Inquiry into the Nature and Causes of Wealth of Nations, edited by R. H. Campbell, A. S. Skinner and W. B. Todd. Oxford, UK: Clarendon Press, 1976.

Sraffa, P. 1960. Production of Commodities by Means of Commodities. Cambridge, UK: Cambridge University Press.

Sweezy, P., ed. 1966. Karl Marx and the Close of His System by E. von Bohm-Bawerk and von Bohm-Bawerk’s Criticism of Marx by R. Hilferding. New York, NY: M. Kelley. von Bohm-Bawerk, E. 1896. Zum Abschluss des Marxschen Systems. Translated and edited by P. Sweezy (1966).





 

Bollettino Culturale Copyright © 2016 | Created by Tarosky | Powered by Blogger Templates