FF

venerdì 12 giugno 2020

0 SULLA STAGNAZIONE E LA CRISI DEL 2007




Diversi punti di vista sulla stagnazione

La scuola stagnazionista della Monthly Review, ora proseguita con il contributo di Fred Magdoff e John Bellamy Foster, fa riferimento alle analisi suggerite da Paul Baran e Paul Sweezy negli anni '60. È proprio a loro che Foster e Magdoff si rivolgono per spiegare la simbiosi tra stagnazione e finanziarizzazione dell'economia, il punto focale delle loro analisi sulla crisi del 2007. In Sweezy la tendenza al sottoconsumo e, quindi, alla stagnazione come "la norma verso cui tende la produzione capitalista" derivava dal presupposto che gli investimenti e il consumo capitalistici sarebbero cresciuti in proporzione al reddito e che, pertanto, la quota dei salari avrebbe dovuto diminuire.
Poiché ha anche ipotizzato che la percentuale del consumo capitalista in termini di reddito sarebbe diminuita, Sweezy ha dedotto un aumento della percentuale di investimenti in reddito. Supponendo che la produzione di mezzi di consumo fosse proporzionale alla crescita degli investimenti, Sweezy dedusse che l'offerta di mezzi di consumo sarebbe cresciuta prima della domanda di mezzi di consumo, causando un eccesso cronico di capacità. Questa è la teoria del sottoconsumo e della stagnazione di Sweezy. L'errore teorico, come sottolineato da Shaikh, consiste nel considerare il dipartimento I come un input del dipartimento II e, pertanto, l'economia capitalista punta alla produzione di beni di consumo.
Per Baran e Sweezy la tendenza della moderna economia capitalistica alla stagnazione è legata all'emergere di monopoli e oligopoli. Nel loro libro del 1968, Monopoly Capital, Sweezy e Baran sostengono che gli oligopoli hanno vietato la concorrenza sui prezzi. Di conseguenza, la teoria generale dei prezzi appropriata per questa economia divenne "la teoria tradizionale dei prezzi del monopolio classico e neoclassico", ora elevata al livello di un caso generale e non più speciale.
Oltre alla tendenza delle grandi società a ridurre costantemente i costi, gli autori derivano la tendenza a un continuo aumento del margine di profitto sul prodotto lordo. Da questa analisi, concludono che la legge sulla tendenza al ribasso del tasso di profitto dovrebbe lasciare il posto alla legge sulla tendenza al rialzo della quota di massa e di profitto. Man mano che i dividendi aumentano con un ritardo rispetto all'aumento dei profitti, il consumo capitalista diminuisce in proporzione al surplus. Ciò significa che la percentuale dell'eccedenza destinata agli investimenti dovrebbe aumentare continuamente.
Ma gli autori non hanno senso di esso, perché "significherebbe che un volume crescente di beni strumentali sarebbe prodotto al solo scopo di produrre più beni capitali in futuro. Il consumo sarebbe una percentuale decrescente del prodotto e un aumento dello stock del capitale non avrebbe nulla a che fare con l'aumento dei consumi.” "Prima o poi la capacità in eccesso sarebbe così grande da scoraggiare ulteriori investimenti.” Questa è, quindi, la tendenza alla stagnazione secondo Baran e Sweezy: la retrazione degli investimenti e, quindi, del reddito e dell'occupazione è causata dalla tendenza ad aumentare i profitti generati dagli oligopoli. Allo stesso modo, per Foster e Magdoff, il capitalismo monopolistico genera volumi di profitto che non possono essere reinvestiti sotto il rischio di abbassare i prezzi e i margini di profitto. La domanda non è quindi in grado di occupare tutta la capacità installata, un fatto che riduce il ritmo degli investimenti, generando così la stagnazione dell'economia propria del concetto di capitalismo monopolistico della Monthly Review.

Foster e Magdoff seguono la tradizione Keynes-Kalecki-Steindl, per la quale il capitalismo è incapace di auto-espansione, diversamente da Marx, per il quale l'accumulazione e la crescita sono generate endogenamente. Per questi autori, sono necessari fattori esterni per mantenere la crescita dell'economia, che si tratti della spesa pubblica, dei fattori di sviluppo di Kalecki, delle innovazioni di Schumpeter o, in questo caso, delle bolle speculative attraverso le quali il capitalismo riesce ad alimentare il consumo per un periodo di tempo, come la bolla immobiliare speculativa che ha portato alla crisi finanziaria globale.

La "scuola" dell'espropriazione finanziaria non presenta alcuna analisi specifica relativa alla diminuzione del tasso di crescita dell'economia mondiale dagli anni '80, tranne per il fatto che avrebbe svolto un ruolo fondamentale in questo processo, sia la riduzione degli investimenti che la concentrazione del reddito. Dos Santos si riferisce alla diminuzione degli investimenti in capitale fisso in percentuale del PNL a partire dalla metà degli anni ‘80. Oltre alla riduzione della quota di reddito nei 9 percentili di reddito inferiore, Dos Santos suggerisce la comparsa di un problema di smorzamento del ritmo di crescita della domanda.
Questi due aspetti saranno cruciali per spiegare sia la domanda delle banche di nuove fonti di domanda di credito, le alternative alla diminuzione della domanda industriale di credito bancario, sia la crescente fragilità del potere d'acquisto delle famiglie e la loro esposizione alle pratiche indotte dalle banche, come il consumo basato sul debito. Per Lapavitsas, la finanziarizzazione e la sua componente principale, l'espropriazione finanziaria, si sviluppano in un contesto di "dubbia crescita della produttività" e delle prestazioni mediocri dell'accumulazione reale. È in questo ambiente di relativa stagnazione che "la classe capitalista ha trovato nuove fonti di profitto nei moderni meccanismi finanziari".
Per Husson, la causa della relativa riduzione del processo di accumulazione risiede nella "rarefazione di occasioni di investimento redditizie". Poiché il saggio di profitto è aumentato drasticamente dagli anni '80, questa rarefazione di opportunità di investimento redditizie deve essere spiegata, in parte, dal fatto che l'aumento della redditività è stato ottenuto aumentando lo sfruttamento del lavoro e, quindi, attraverso la riduzione del potere d'acquisto dei lavoratori. In questo modo, si crea un divario crescente tra il tasso di profitto che recupera con le pratiche anti-lavoro del neoliberismo e il tasso di accumulazione che non riesce a tenere il passo con la crescita della redditività.
La crescita degli utili a scapito della crescita dei salari avrebbe creato un problema di domanda efficace che, a sua volta, avrebbe rallentato l'accumulazione. In questo modo, l'analisi sembra rientrare nello stesso quadro teorico della stagnazione dei consumatori secondari, poiché spiega la stagnazione dalla debolezza della domanda di consumo da parte dei salari.

Contrariamente a quanto sostiene Husson, per Kliman il saggio del profitto non si è ripreso durante il periodo neoliberista. Per lui, il comportamento letargico dell'accumulazione capitalista è spiegato dal fatto che, bloccato dall'intervento statale, il normale meccanismo di risanamento della redditività attraverso la distruzione del capitale, tipico dei periodi di crisi, non può funzionare, un fatto che avrebbe impedito il recupero del tasso di profitto a livelli superiori al tasso di profitto a lungo termine e rendendo possibile la riemissione di un nuovo boom. In assenza di un miglioramento della redditività attraverso la crisi, il tasso di profitto è rimasto "cronicamente troppo basso per consentire un tasso di crescita vigoroso".
Secondo la sua analisi empirica, il saggio di profitto sarebbe rimasto praticamente allo stesso livello tra i punti bassi del 1982 e del 2001. Contrariamente a Husson, per il quale profitti e investimenti si discostano in un comportamento a forbice dagli anni '80, per Kliman, il tasso di accumulazione si è evoluto, nel tempo, parallelamente al tasso di profitto. Pertanto, come il saggio di profitto, anche il saggio di accumulazione è rimasto stagnante.

Lo scopo di questa prima parte era quello di presentare le varie opinioni riguardo al basso comportamento dinamico dell'accumulazione. 


Tra i punti di vista sopra presentati, due di essi usano la nozione di finanziarizzazione come processo correlato alla stagnazione. Sono: le opinioni della scuola della Monthly Review, da un lato, e di Husson, dall'altro. Le loro posizioni sono simili: i profitti che non trovano possibilità di accumulazione produttiva vengono incanalati nel sistema finanziario sotto forma di investimenti finanziari.

Si riferiscono anche al termine finanziarizzazione, ma, per loro, la caratteristica fondamentale della finanziarizzazione è, da un lato, lo sviluppo del mercato dei capitali e le nuove fonti di finanziamento che consente e, dall'altro, l'approfondimento del consumo mediato da istituti bancari e finanziari.

Secondo Lapavitsas le tendenze contemporanee all'aumento dei mercati aperti dei capitali, attraverso i quali le società industriali e commerciali sono rifornite di capitale in contanti, sono in contrasto con le classiche tesi marxiste sull'aumento del dominio bancario sull'industria. Al contrario, suggerisce Lapavitsas, la crescente indipendenza delle società dal credito bancario ha costretto le banche a cercare fonti alternative di guadagno nel reddito personale dei lavoratori e sotto forma di commissioni e onorari relativi alle varie attività di intermediazione finanziaria a cui avevano accesso grazie alla progressiva liberalizzazione dell'attività bancaria.
Per Lapavitsas, la relazione tra il settore finanziario e le imprese è una relazione tra pari, sia dal punto di vista dell'informazione che dal punto di vista della forza relativa, quest'ultima consentita dall'esistenza di alternative di finanziamento. Questa simmetria non esiste nel rapporto tra banche e individui. Questi ultimi sono stati progressivamente esposti ai bisogni sociali non forniti dallo Stato e sono stati costretti a ricorrere al finanziamento bancario in condizioni di forte svantaggio, a causa della mancanza di alternative e informazioni. È in queste condizioni che si sviluppa l'elemento centrale della finanziarizzazione, che è l'espropriazione di parte del reddito della classe lavoratrice sotto forma di interessi bancari, un processo correlato, secondo Lapavitsas, al crescente utilizzo, da parte delle grandi società, del mercato del credito libero in alternativa al credito bancario e conseguente ricerca da parte delle banche di fonti di profitto alternative.
La portata dell'espropriazione finanziaria, tuttavia, preclude la tradizionale analisi del rischio basata sul rapporto cliente / banca e le informazioni individuali. Al contrario, la scala dell'espropriazione finanziaria ha mobilitato forme di valutazione del rischio basate su metodi statistici e matematici. Nel caso della bolla immobiliare e della concomitante espansione dei mutui subprime, "i prestiti sono considerati quando una soglia è deliberatamente bassa". Inoltre, al fine di evitare i requisiti patrimoniali, le banche ipotecarie hanno iniziato a vendere mutui alle banche di investimento, recuperando il capitale preso in prestito, aumentando la rotazione del loro capitale e ampliando la gamma dei loro clienti agli strati più poveri.

Poiché la fonte più dinamica di crescita degli utili bancari è diventata l'appropriazione finanziaria di parte dei salari, le banche hanno assunto il compito di espandere continuamente il credito al consumo, in particolare il credito ipotecario. Il risultato fu la trasformazione di una parte crescente del reddito personale in capitale monetario bancario, con il quale le banche furono in grado di espandere ulteriormente la base delle operazioni di credito. "Secondo i dati della Federal Reserve, la percentuale media di reddito disponibile personale utilizzato per servire il debito è costantemente aumentata dal 5,6% nel 1986 al 19,3% a giugno 2007".
Il passo successivo è stata la formazione di SIV, veicoli di investimento speciali, entità il cui obiettivo era consentire l'acquisizione di titoli garantiti da ipoteche e altri debiti senza la necessità di rispettare le norme di Basilea II relative ai requisiti patrimoniali compatibili con gli investimenti a rischio. Con queste entità, le banche sono state in grado di acquisire CDO, obbligazioni di debito collateralizzate, titoli di debito che offrivano "rendimenti eccellenti".

Gli acquisti di CDO sono stati finanziati mediante l'emissione di titoli di debito a breve termine in modo che tali istituti fossero fortemente indebitati. Pertanto, quando i mutui subprime hanno iniziato a perdere acqua, queste istituzioni non sono più state in grado di raccogliere fondi sul mercato monetario per far passare il debito a breve termine. Dovettero quindi rivolgersi alle proprie banche, che a loro volta, a causa delle perdite di capitale, furono costrette a paralizzare il credito.

Il riorientamento del credito bancario al credito al consumo è ampiamente documentato da Dos Santos. L'aumento del peso del debito sul bilancio delle famiglie mostra che, nonostante sia un fenomeno diffuso tra i vari percentili della distribuzione del reddito, l'incremento maggiore è stato registrato tra il 20% più povero, passando dall'87,5% nel 1989 al 285,5% nel 2007. Come risultato di questo riorientamento del credito, gli utili derivati ​​dal credito al consumo sono aumentati in proporzione agli utili bancari totali. Pertanto, per Dos Santos, l'attuale crisi è iniziata come una moderna crisi bancaria, con condizioni che non esistevano nelle precedenti crisi bancarie. La sua base era il finanziamento delle famiglie per acquisire la propria casa, l'aumento del prezzo delle case dovuto all'aumento della domanda, la sanzione dell'aumento del credito immobiliare da parte dell'aumento dei prezzi delle case, fino al crollo finale. Dos Santos sostiene che il significato sociale dell'indebitamento è molto diverso quando si confrontano capitale e forza lavoro. Nel credito al capitale, sostiene, esiste una relazione tra uguali poiché entrambi sono capitalisti e cercano di ottenere l'apprezzamento del loro capitale.
Contrariamente a questo, lo scopo della forza lavoro non è quello di aumentare il valore. I lavoratori sono stati costretti a indebitarsi a causa dei salari stagnanti e del carattere mercantile delle case popolari, della salute e delle esigenze educative. La coazione al debito dà la conversione di parte dei salari in utili bancari, attraverso il pagamento di interessi, il carattere di esproprio finanziario. È questa natura obbligatoria dell'indebitamento che spiega l'elevata redditività associata a questo tipo di credito. Pertanto, la natura privata della fornitura di servizi essenziali unita a salari stagnanti ha portato a un aumento spettacolare dell'onere del debito sul reddito disponibile delle famiglie dal 60% circa nei primi anni '80 a livelli intorno al 130% sulla scia della crisi.

Per Foster e Magdoff, la crescente predominanza finanziaria deriva dalla tendenza alla stagnazione dell'economia nei termini sviluppati da Sweezy e Baran nel 1968. La sottoutilizzazione causata dai salari più bassi nel reddito e una relativa riduzione del consumo capitalista all'aumentare dei profitti porta a un indebolimento della domanda di beni di consumo. La riduzione della domanda di beni di consumo provoca una riduzione dell'uso della capacità produttiva installata, un fatto che riduce il livello degli investimenti.

Nella versione "monopolistica", la tesi stagnazionista postula che la crescente massa di profitti ottenuti con il continuo aumento della produttività non può essere utilizzata per l'espansione della capacità produttiva, pena la riduzione dei prezzi e dei margini di profitto. Pertanto, una parte considerevole dei profitti viene utilizzata per l'acquisto di prodotti finanziari. La finanziarizzazione è il flusso continuo di profitti che esce dalla sfera produttiva alla ricerca della valorizzazione finanziaria come D - D ', qualcosa che si avvicina alla semplice riproduzione con un uso finanziario del plusvalore.

In questo processo, una parte importante della crescita ridotta deriva dall'effetto ricchezza con cui la valutazione finanziaria riesce ad aumentare il consumo di coloro che diventano ricchi nella bolla. Sweezy suggerisce che se le esplosioni finanziarie e speculative fossero il risultato della fase espansiva del ciclo economico, ora, al contrario, è la stagnazione che porta a processi speculativi e crisi finanziarie. Come sottolineato da Shaikh, la tesi dei sub-consumatori condivide l'idea che il consumo regola la produzione nel suo insieme poiché i mezzi di produzione sono solo mezzi per produrre mezzi di consumo. In altre parole, il dipartimento che produce i mezzi di produzione è concepito come un input al dipartimento che produce i mezzi di consumo.
Pertanto, la concentrazione del reddito risultante dalla diminuzione del ritmo di accumulazione del capitale e dalla riduzione dei salari durante il periodo neoliberale insieme alla diminuzione del reddito dei capitalisti dedicato al consumo ha portato alla classica sovrapproduzione di mezzi di consumo la cui unica forma di flusso era attraverso il credito al consumo, un fatto che spiega il quasi raddoppio, nel periodo tra il 1980 e il 2005, del rapporto tra debito dei consumatori e reddito disponibile e il conseguente deterioramento delle finanze delle famiglie americane. Questo deterioramento, documentato dall'aumento del servizio del debito in percentuale del reddito e dall'aumento dell'incidenza delle famiglie inadempienti, in particolare tra i due percentili di reddito più bassi.

Foster e Magdoff sottolineano: è la stagnazione dovuta alla sovraccapacità e alla mancanza di opportunità di investimento redditizio che è la causa della finanziarizzazione e non viceversa. Secondo loro, la finanziarizzazione deriva dall'aumento dell'eccedenza, incapace di trovare opportunità redditizie nella produzione. È questo surplus incanalato nel settore finanziario che caratterizza la finanziarizzazione. Foster e Magdoff citano un articolo di Sweezy pubblicato nel maggio 1995 intitolato "Reminiscenze economiche".

Sweezy afferma: "L'industria privata è redditizia ma non ha alcun incentivo a investire. Da qui la stagnazione degli investimenti produttivi. Tuttavia, le grandi società e i loro azionisti stanno facendo bene e stanno cercando di espandere il loro capitale investendo denaro nel mercato finanziario, che a sua volta , risponde assorbendo quantità crescenti di investimenti e creando nuovi e interessanti tipi di strumenti finanziari ". Un argomento identico, scritto di sua mano, si trova alle pagine 79 e 80 del libro The Great Financial Crisis. Lì Foster e Magdoff concludono: "Il risultato è stato una speculazione finanziaria esplosiva che dura da decenni".

L'analisi si basa sull'idea che, con sovraccapacità e investimenti stagnanti, l'economia è diventata sempre più dipendente dai consumi. Gli autori osservano che solo nei mesi da ottobre a dicembre 2005, è stato aggiunto un importo di $ 1,11 trilioni allo stock di debito immobiliare. Ma avvertono che un'economia con alto sfruttamento del lavoro, salari stagnanti e poche opportunità di investimento non potrebbe mantenere la crescita se non attraverso bolle speculative. In condizioni di elevato indebitamento immobiliare in relazione al valore degli immobili, noto come patrimonio immobiliare domestico, qualsiasi riduzione del prezzo delle case o, in alternativa, un aumento dei servizi relativi al debito ipotecario potrebbe significare la fine della bolla speculativa. In questo articolo del maggio 2006, il primo capitolo del libro, si dice con una previsione accurata: "In effetti, con il calo dei prezzi delle case per quattro mesi consecutivi e il ritmo delle vendite in calo del 10,5% a febbraio, il calo maggiore in quasi un decennio, è possibile che stiamo affrontando la fine della bolla ".

Ma quale era il legame tra l'analisi stagnazionista e l'onda speculativa del settore immobiliare? La drastica riduzione dei tassi di interesse unita alle variazioni dei requisiti di riserva di capitale bancario hanno reindirizzato i flussi finanziari della Borsa, in calo dopo la debacle del 2000, verso il mercato immobiliare. Da quel momento in poi, la descrizione della bolla immobiliare segue le tappe suggerite da Kindleberger: "un nuovo prodotto; espansione del credito; febbre speculativa; agonia; collasso e panico". Cartolarizzazione di mutui, creazione di SIV da parte di banche, finanziamento dell'acquisizione di MBS (Mortgage Backed Securities) e CDO attraverso l'emissione di carte commerciali, la rapida crescita del mercato dei Credit Default Swap fino a raggiungere la fase speculativa in cui l'aumento dell'indebitamento per l'acquisto di attività finanziarie ha iniziato a basarsi sull'aumento dei prezzi delle attività sottostanti, ovvero il prezzo delle case. A questo punto, caratterizzano il processo come Ponzi Finance con riferimento all'analisi di Minsky.

Per Husson, gli ultimi 50 anni sono divisi in due parti: la prima, che si estende dal 1960 al 1982, in cui il tasso di profitto diminuisce, e la seconda, che copre il periodo dal 1982 al 2008, in cui il saggio di profitto aumenta. Questo comportamento è verificato sia per gli Stati Uniti che per le tre maggiori economie europee (Germania, Francia e Inghilterra). Parte della ripresa del saggio di profitto dagli anni '80 è spiegata dall'aumento del tasso di sfruttamento della forza lavoro, con il risultato che il tasso di rendimento inverte la continua riduzione verificatasi dal 1960. L'inversione della tendenza al ribasso in una tendenza al rialzo della redditività, secondo il titolo ironico del suo articolo del 2010, è dovuta all'aumento del tasso di sfruttamento della forza lavoro. In un'intervista del luglio 2008, Husson afferma: "La riduzione della quota dei salari ha consentito un aumento spettacolare del tasso medio di profitto dalla metà degli anni '80". Tuttavia, "la crescente massa di plusvalore non è stata accumulata, ma principalmente distribuita sotto forma di entrate finanziarie".
Resa irraggiungibile dalla riduzione del potere d'acquisto dei salari, l'accumulazione ha smesso di tenere il passo con la redditività, aprendo un divario crescente nel tempo. Pertanto, la separazione tra aumento della redditività e riduzione del ritmo degli investimenti è causata dal fatto che l'aumento della redditività è stato ottenuto attraverso un aumento del tasso di sfruttamento della forza lavoro. La relativa riduzione della domanda da parte dei salari avrebbe reso non redditizio reinvestire parte del plusvalore ottenuto da un maggiore sfruttamento del lavoro. Husson considera questo crescente divario tra il tasso di profitto e il tasso di accumulazione come un indicatore del grado di finanziarizzazione dell'economia, poiché indica il grado in cui il plusvalore deve cercare forme finanziarie di apprezzamento. La parte del plusvalore che non viene accumulata viene riciclata nella finanziarizzazione e questo riciclaggio ha il carattere funzionale di sostituire la mancanza di domanda da parte dei salari. Questa sostituzione si presenta sotto forma di consumo da rentier e bolle speculative.

La crisi, per Husson, deriva quindi non da una riduzione della redditività, ma dalla sua ascesa nel periodo neoliberista. Nonostante l'intricata battaglia empirica tra Husson e Kliman, la divergenza fondamentale è chiaramente teorica. Husson considera errata la legge della caduta tendenziale del saggio del profitto, espressa da Marx. Secondo lui, la formulazione di Marx risente della mancanza di considerazione dell'effetto della produttività sul valore dei mezzi di produzione e sul tasso di sfruttamento della forza lavoro. Poiché la produttività deprime il valore dei mezzi di produzione e, allo stesso tempo, aumenta il tasso di plusvalore, il tasso di profitto non ha motivo necessario per ridursi nel tempo. Inoltre, sostiene, la composizione organica non ha motivo di crescere, poiché i mezzi di produzione sono continuamente ridotti a causa della maggiore produttività.

Kliman sostiene che uno degli aspetti centrali della teoria della crisi di Marx è il processo di distruzione del capitale, un processo che ripristina la redditività e prepara le condizioni per la riproduzione del ciclo economico. Ciò non è avvenuto dagli anni ‘80. Invece di consentire il processo di distruzione del capitale, il governo ha cercato di compensare il basso livello di crescita stimolando l'indebitamento. I suoi calcoli empirici del tasso di profitto si oppongono all'idea che il periodo neoliberista sarebbe riuscito a recuperare la redditività. Il calcolo, a costi storici, tra i punti più bassi degli anni 1982 e 2001, mostra che è rimasto praticamente costante (rispettivamente 12,1% e 11,9%). Kliman calcola anche il tasso di profitto ai costi correnti, sgonfiando lo stock di capitale fisso e la massa di profitto dall'indice dei prezzi del PIL americano in contrasto con Husson, che sgonfia lo stock di capitale fisso dall'indice dei prezzi dei mezzi di produzione. Questo indice, che, secondo Kliman, era superiore all'indice del PIL nel periodo in esame, un fatto che avrebbe causato una sottovalutazione del valore, a costi correnti, dello stock di capitale fisso e, quindi, un aumento della stima della redditività .
Secondo i calcoli di Kliman, il saggio di profitto non si è ripreso negli anni '80 e '90, ma è aumentato bruscamente a metà del primo decennio del 21° secolo. Cerca quindi di tracciare il legame intermedio tra questo comportamento del tasso di profitto e la crisi, sostenendo che la diminuzione del tasso di profitto non è la causa immediata della crisi. Questa diminuzione, tuttavia, provoca un periodo di speculazione in cui i capitalisti cercano di compensare la diminuzione della redditività attraverso guadagni finanziari. L'aumento dell'indebitamento che accompagna questo periodo di speculazione porta alla crisi, una volta che i debiti diventano più pesanti della capacità di pagarli. L'aumento del saggio di profitto dal 2004 è, per lui, l'effetto di questo processo di reazione al calo della redditività, ma è allo stesso tempo la preparazione della crisi che ha colpito l'economia degli Stati Uniti e del mondo.

La sua proposta è che il tasso di profitto effettivo diminuisca al livello del tasso di profitto a lungo termine, da lui definito come il tasso di profitto incrementale, ∆m / ∆C, dove ∆m è l'aumento della massa di plusvalore e ∆C è l'aumento di capitale. Il saggio di profitto incrementale è di entità più o meno costante, ruotando intorno al 4% nel periodo postbellico. Nel processo ciclico, a causa della distruzione del capitale che precede l'inizio del nuovo periodo di espansione, il tasso di profitto effettivo è superiore al tasso di profitto a lungo termine. Man mano che il boom si sviluppa, il tasso di profitto effettivo inizia a convergere al tasso di profitto incrementale. A meno che una nuova crisi non consenta il recupero della redditività distruggendo il capitale, l'economia passerà a un livello di bassa redditività e bassa crescita. È successo nel periodo neoliberista, quando i governi hanno agito per rilanciare un sistema in un regime di crescita letargica basato sull'aumento dell'indebitamento pubblico e privato.

La descrizione del boom è la stessa: l'espansione del credito, trainata dalla riduzione dei tassi di interesse, è stata tale che il rapporto tra debito ipotecario e reddito disponibile è passato dal 71% nel 2000 al 103% nel 2005. Per Kliman, ciò che caratterizza il boom immobiliare come una bolla speculativa è proprio il fatto che, dal 2000 al 2005, il reddito personale, al netto delle imposte, è cresciuto del 35% mentre il prezzo delle case è triplicato nello stesso periodo. Pertanto, la capacità di pagare, che alla fine dipende dalla produzione di nuovo valore, si è dimostrata sempre più incapace di farlo, specialmente quando il calo dei prezzi delle case ha bloccato qualsiasi possibilità di rifinanziamento.


Critica delle varie interpretazioni

Dos Santos sostiene che, nel caso del credito alla forza lavoro, la logica per ottenere l'interesse è molto più complessa rispetto al credito diretto al circuito del capitale industriale. Questa osservazione sembra insignificante poiché, dal punto di vista delle banche, il prestito di denaro deve fare D - D ', indipendentemente dall'agente di assorbimento del credito. Per lui, le banche entrano nel rapporto con la forza lavoro in una posizione di vantaggio, una situazione in cui possono estorcere guadagni superiori alla media.

L'interpretazione di Dos Santos e Lapavitsas è stata criticata da Fine. L'argomento principale di Fine è che, se si considera il valore della forza lavoro dato, il credito bancario alla forza lavoro e il corrispondente costo in interessi, non ha più alcun ruolo nel determinare il valore della forza lavoro. L'interesse diventa una mera detrazione da tale importo. L'ammenda non è molto chiara, ma sembra suggerire che il cambiamento nel valore della forza lavoro provenga da due cambiamenti correlati, vale a dire, il cambiamento nel modello di consumo e nella forma della sua acquisizione, cambiamenti nel nucleo di cui l'interesse dovrebbe comporre il nuovo valore della forza lavoro. In caso contrario il prezzo sarebbe sistematicamente ridotto al di sotto del valore.
Per quanto riguarda i profitti anomali che le banche avrebbero realizzato nel loro rapporto di credito con i lavoratori, Dos Santos e Lapavitsas sostengono che derivano dal fatto che la forza lavoro non ha fonti alternative di finanziamento con le quali contrattare le condizioni del credito. Il fatto che abbiano un'unica fonte di accesso ai finanziamenti li espone a condizioni abusive che quegli autori chiamano espropriazione finanziaria. Qui sorge il problema se l'abolizione delle condizioni creditizie abusive abolirebbe anche l'espropriazione. In effetti, Lapavitsas sottolinea l'asimmetria delle informazioni e del potere tra banche e famiglie in contrasto con la parità di rapporto tra banche e società. Il concetto di espropriazione finanziaria è oscurato: dopo tutto, l'espropriazione finanziaria si riferisce a un ∆j derivante dalle condizioni più vantaggiose che le banche godono nel loro rapporto con le famiglie?

Per quanto riguarda questo aspetto dell'analisi, Fine sottolinea anche l'incoerenza che i profitti anomali sono rimasti a lungo senza aver indotto l'ingresso di nuove forme di credito che avrebbero potuto ridurli a un normale profitto. Ancora più interessante è l'osservazione che le proposizioni di Lapavitsas e Dos Santos non si basano sull'analisi del credito sviluppata da Marx. In effetti, gli autori non si preoccupano di svelare la simbiosi tra accumulazione monetaria e accumulazione reale come eseguita da Marx negli omonimi capitoli del terzo libro del Capitale. La sovrastruttura teorica dell'espropriazione finanziaria, sebbene insoddisfacente, non è inattiva dal punto di vista delle dinamiche della crisi, poiché spiega il processo di incorporazione di massa delle famiglie stipendiate negli ingranaggi del consumo di credito e la loro conduzione verso l'insolvenza successiva.

L'analisi di Lapavitsas presenta numerosi problemi concettuali. È vero che l'espropriazione finanziaria è un fenomeno di circolazione, ma Lapavitsas non analizza separatamente i due aspetti della circolazione coinvolti nel rapporto tra banche e singoli mutuatari. Questa relazione può essere rappresentata come segue:

D-D-M ... FT-D-D´

dove si vede che la forza lavoro acquista beni (D - M) prima di aver venduto i propri. Dopo aver trasferito denaro dalla banca all'individuo, il denaro funge da mezzo di circolazione con cui la forza lavoro acquista merce M. Ciò significa che la forza lavoro deve vendersi per pagare. La forza lavoro non viene più venduta per comprare, ma per pagare. La finanziarizzazione dei consumi produce un cambiamento nella funzione di vendita della forza lavoro. Questo è il motivo per cui, nella seconda fase, dopo la vendita della forza lavoro, il denaro funziona come mezzo di pagamento per i beni acquisiti nell'operazione di trasferimento D - D. Di che cosa si tratta? La risposta a questa domanda illumina la natura dell'asimmetria della relazione. La merce che la forza lavoro acquisisce è semplice denaro.

La forza lavoro acquista l'uso del denaro al suo prezzo D '- D = interesse, ma non lo acquisisce come capitale. La banca, a sua volta, vende denaro come capitale-merce il cui valore d'uso è la produzione di profitto, precisamente la differenza D '- D che, a differenza della divisione alla quale è soggetta in relazione al capitale produttivo, è tutto sotto forma di interessi bancari. Questa è l'asimmetria oggettiva alla base della relazione banca / debitore individuale. Non si tratta di un'asimmetria di informazioni o di potere, ma di un'asimmetria di circuiti: la funzione del capitale di interesse da un lato e, dall'altro, il circuito del consumo individuale finanziato. Preso in prestito come capitale, il denaro deve restituire più interessi, indipendentemente dalla fonte della domanda di credito.

Contrariamente a quanto suggerisce Lapavitsas, la domanda degli individui non è attraverso il pagamento, ma attraverso la circolazione, i mezzi di acquisto. Se nel secondo D - D' il trasferimento di denaro funziona come mezzo di pagamento, allora non può essere vero che l'espropriazione finanziaria "in termini di reddito personale, mobilita flussi di denaro e valore già esistenti" semplicemente perché il lavoratore vende la forza lavoro per pagare e quindi deve produrre l'equivalente del valore della sua forza lavoro prima di ricevere il suoi salario. Ma tutto è ancora più confuso quando Lapavitsas afferma che, a causa del carattere sistematico che acquisisce, l'espropriazione finanziaria, sebbene sia un fenomeno della sfera di circolazione, comporta un aspetto di sfruttamento.
Infine, resta da vedere come questa espropriazione possa aumentare i profitti dell'intera classe capitalista. Se, da un lato, il consumo basato sul credito aumenta i profitti dei settori che offrono i prodotti richiesti, dall'altro il potere d'acquisto diminuisce nell'esatta misura dei salari espropriati sotto forma di interessi bancari. L'utile bancario aumenta immediatamente, ma l'utile industriale aumenta solo per i settori coinvolti nella catena di produzione dei prodotti che formano la base della bolla speculativa.

Il principale problema teorico con le analisi stagnazioniste è la postulazione di uno squilibrio permanente tra domanda e offerta. Contrariamente alla continua riduzione del consumo di reddito, la produzione di beni di consumo segue il suo corso indisturbato, causando un eccesso di capacità e investimenti ridotti. La riduzione del livello degli investimenti non sembra funzionare come un meccanismo per ripristinare la proporzionalità tra domanda e capacità produttiva, come se l'effetto del ritardo iniziale potesse riprodursi indefinitamente.

È importante notare che autori come Foster e Magdoff usano Keynes molto più di Marx. I concetti di punta sono tipicamente keynesiani, vale a dire: problemi di domanda effettiva legati alla riduzione della propensione marginale dei capitalisti al consumo, equilibrio della disoccupazione come stato naturale dell'economia capitalista, trasformazione di Keynes in un teorico del ciclo dell'economia capitalista, trasformazione eseguita da Minsky, e così via. Un esempio lampante dell'ipertrofia di Keynes tra i marxisti è il riferimento di Foster e Magdoff alla teoria dei due prezzi di Keynes, successivamente formalizzata da Minsky nella teoria degli investimenti post-keynesiana. Gli autori non sembrano rendersi conto che la duplicazione tra investimenti produttivi e titoli legali sui guadagni di questi investimenti produttivi è la teoria di Marx sul capitale fittizio rispetto al caso specifico delle azioni, ma non si limita a loro. Inoltre, sembrano ignorare l'analisi condotta da Marx in cui la fase espansiva del ciclo genera necessariamente una febbre speculativa basata su quei ruoli.

L'incongruenza che troviamo nell'analisi di Husson è simile all'incongruenza del sottoconsumo, poiché si basa sull'idea che il prodotto sociale cresce più velocemente delle fonti di domanda, che sono salari più investimenti. Inoltre, questa differenza sta crescendo, poiché si riflette in una differenza crescente tra profitto realizzato e profitto reinvestito. Tuttavia, come si può realizzare il profitto sulla base di una divergenza costante tra produzione e domanda? Se la divergenza è ex post, non dovrebbe causare un aumento della capacità produttiva? E come possiamo avere un sostanziale aumento della redditività e una mancanza di alternative redditizie a causa della contrazione della domanda da parte dei lavoratori?

Per quanto riguarda le sue critiche alla tendenza al ribasso del saggio di profitto, Husson tratta la controtendenza come una legge opposta e dello stesso status della legge principale. Ma egli stesso cita un passaggio rilevante in questo senso in cui Marx afferma che "le stesse cause che generano la riduzione del saggio di profitto moderano la realizzazione di questa tendenza", un'affermazione che rivela il carattere attenuante delle controtendenze, poiché dipendono dalla tendenza principale. In effetti, per Husson, non funziona nemmeno l'idea di base, tra i marxisti, secondo cui la legge della caduta tendenziale del saggio di profitto si riferisce alla tendenza a diminuire il saggio di profitto massimo, L / c, dove L = v + m è il nuovo lavoro svolto sui mezzi di produzione e c è il valore di quei mezzi di produzione chiamati capitale costante. Questo perché, per lui, anche la composizione organica non deve necessariamente crescere. La sua direzione è indeterminata. Qui abbiamo un problema concettuale. La composizione organica come riflesso della composizione tecnica, cioè calcolata a prezzi relativi costanti tra i mezzi di produzione e i mezzi di consumo, deve necessariamente crescere, una volta che la composizione tecnica può aumentare progressivamente. Pertanto, quando si fa riferimento alla composizione organica, dovremmo leggere la composizione del valore, poiché questa, sì, può differire dalla composizione tecnica, o a causa delle variazioni dei valori relativi tra i mezzi di produzione e i mezzi di consumo, o a causa delle variazioni dei salari reali .
La legge della tendenza alla redditività presentata nel Capitale deriva dalla composizione organica proprio perché la composizione organica rispecchia la composizione tecnica e non vi sarebbe motivo di supporre che l'indice dei prezzi dei mezzi di produzione avrebbe un comportamento a lungo termine diverso dall'indice dei prezzi al consumo. L'analisi empirica può usare solo la composizione del valore, ma oscilla attorno alla composizione organica. Se la composizione del valore si discostasse dalla composizione organica per periodi prolungati, ciò significherebbe che la diminuzione del valore della forza lavoro sarebbe sistematicamente inferiore alla riduzione della quantità di capitale costante per lavoratore. Ma sarebbe impossibile. L'aumento della quantità di capitale costante per lavoratore è un indicatore di una maggiore produttività. Si tratta quindi di un processo organicamente correlato alla diminuzione del tasso di crescita dell'occupazione, un fatto che avrebbe la conseguenza di contenere i salari. La sua conclusione che la legge sulla caduta tendenziale è mal formulata, in quanto non consente di considerare il ruolo decisivo della produttività, dovrebbe essere accompagnata dalla conclusione che la legge più importante dell'economia politica, per Marx, è allo stesso tempo il suo errore più grave.

Per quanto riguarda la teoria di Kliman, bisogna dire che la sua proposta presenta una teoria alternativa a quella di Marx. Anche il saggio di profitto incrementale, ∆m / ∆C, deve diminuire, poiché la composizione c / v aumenta con il tempo. In effetti, per Marx, la tendenza al ribasso del saggio di profitto è dovuta all'aumento della composizione organica del capitale, mentre per Kliman è dovuto al fatto che il saggio di profitto incrementale tende a dominare il saggio di profitto effettivo mentre l'espansione dissipa l'energia accumulata con la distruzione del capitale nella crisi precedente. A meno che il capitale non si deprezzi nuovamente attraverso una crisi economica, il saggio di profitto effettivo tenderà al saggio di profitto incrementale. Inoltre, la massa di plusvalore deve ristagnare a un certo punto, cosa impossibile nello schema di Kliman, poiché il tasso di profitto incrementale è positivo e costante.

 

Bollettino Culturale Copyright © 2016 | Created by Tarosky | Powered by Blogger Templates