FF

lunedì 12 aprile 2021

0 DISCUSSIONE SULLA MODERN MONETARY THEORY: PREGI E LIMITI


INTRODUZIONE ALLA MMT

Secondo la Modern Monetary Theory (MMT), le principali difficoltà di bilancio che ogni paese deve affrontare sono, in realtà, poste dai governi stessi che seguono la visione ortodossa della "finanza sana". Cerchiamo di affrontare le principali intuizioni della MMT. Quando si discute della visione della MMT, si parte principalmente dalle idee di Randall Wray, il principale esponente di questa linea di pensiero.

La base teorica della MMT è la Finanza Funzionale di Abba Lerner e la nozione cartalista nozionale della valuta di Knapp. Entrambe le teorie mettono in discussione la visione convenzionale ed egemonica della condotta delle politiche macroeconomiche. In considerazione di ciò, si propone di sollevare le principali critiche della MMT alla visione ortodossa della "finanza sana", difesa dal New Macroeconomic Consensus (NMC). La MMT evidenzia importanti intuizioni che consentono di comprendere la necessità di un regime fiscale più flessibile, che dia spazio ad azioni strategiche di governo, con l'obiettivo principale di mantenere la piena occupazione.


La MMT parte dalla teoria cartalista della moneta, secondo la quale lo Stato ha la prerogativa di emettere la moneta e, attraverso la riscossione delle tasse denominate in quella moneta, imporre le sue richiesta alla società. La moneta fiat è vista come un "simbolo" che rappresenta per il pubblico la capacità di far fronte agli oneri con lo Stato. Per circolare nella società, lo Stato stesso deve emettere e scambiare queste banconote con beni e servizi attraverso spese con i settori privati. Quando si utilizzano queste banconote, sia per effettuare pagamenti che per riscuotere tasse, i governi finiscono per imporre la circolazione di questi “simboli” (carta moneta) con le loro funzioni monetarie. La società ora accetta questi "pezzi di carta" come mezzo di scambio, unità di conto e riserva di valore.

Ciò implica che la moneta non abbia un valore intrinseco per le sue caratteristiche fisiche, ma un valore estrinseco dato dai rapporti della società con lo Stato. La percezione dell'origine della moneta fiat fa sorgere la necessità di un'azione fiscale come prerogativa per attribuire valore e domanda di moneta. In considerazione di ciò, lo Stato non ha le stesse restrizioni di bilancio degli altri agenti, poiché deve fare delle spese prima di effettuare la riscossione. Pertanto, l'ordine cronologico di creazione della valuta ha un'importante conseguenza: i deficit del governo sono considerati la situazione normale e il valore della moneta è dato dalla sua capacità di adempiere agli obblighi con lo Stato (principalmente il pagamento delle tasse ). Questo è il punto di partenza per comprendere la MMT, che si tradurrà in una visione opposta a quella sostenuta dall'ortodossia del NMC.

Pertanto, il rapporto tra lo Stato e le banche private è estremamente importante e ha rilevanti implicazioni teoriche per la MMT. Il governo, accettando i depositi bancari come pagamento delle tasse, finisce per dare alle banche la possibilità di emettere una valuta “accessoria” (la “valuta bancaria”). La popolazione utilizza quindi i depositi bancari (conto corrente) come mezzo di pagamento, senza necessità di conversione in cartamoneta, che viene convalidata dallo Stato.

Dice Wray in From the State Theory of Money to Modern Money Theory: An Alternative to Economic Orthodoxy: “Knapp argues that banknotes do not derive their value from the reserves (whether gold or government fiat money) held for conversion, but rather from their use in the “private pay community” and “public pay community”; this, in turn, is a function of “acceptation” at the bank and public pay offices. Within the “private pay community” (or “giro”), bank money is the primary money used in payments; however, payments in the “public pay community” require state money. This can include bank money, but note that generally, delivery of bank money to the state is not final, or definitive, because the state will present it to banks for “redemption” (for valuta reserves). Bank money, when used in the public pay community is not “definitive” unless the state also uses it in its own purchases.

What can make banknotes state money? “Banknotes are not automatically money of the state, but they become so as soon as the State announces that it will receive them in epicentric payments [payments to the state]”. If the state accepts notes in payment to the state, then the banknotes become “accessory” and the business of the bank is enhanced, “for now everybody is glad to take its bank-notes since all inhabitants of the State have occasion to make epicentric payments (e.g. for taxes)”. The banknotes then become “valuta” money if the state takes the next step and makes “apocentric payments [payments by the State] in banknotes”. However, states often required that banks make their notes convertible to state-issued money: “one of the measures by means of which the State assures a superior position to the money which it issues itself”, and thus maintained banknotes in the role of accessory money (rather than allowing them to become valuta money). If the state accepts banknotes in payment, but does not make payments in these banknotes, then the notes will be redeemed – leading to a drain of “reserves” (indeed, governments and central banks used redemption or threat of redemption to “discipline” banks).”


Ciò implica che l'offerta di moneta è endogena, non controllabile dal governo. Le riserve che le banche detengono per soddisfare la domanda di valuta del pubblico possono variare e, quindi, il moltiplicatore monetario varia senza che la Banca Centrale sia in grado di controllarlo automaticamente. Secondo la MMT, la variabile del controllo dello Stato sono i tassi di interesse a breve termine nel mercato interbancario che vengono adeguati dall'acquisto o dalla vendita di titoli di Stato per drenare o fornire disallineamenti delle riserve bancarie. Pertanto, la politica di mercato aperto e il debito pubblico non sarebbero utilizzati per finanziare i disavanzi pubblici, ma farebbero parte della politica monetaria, con lo scopo di controllare i tassi di interesse a breve termine.

Prosegue Wray: “While the state defines money, it does not control the quantity. The state is able to control its initial emission of currency, but this is through fiscal policy rather than through monetary policy. That is, the quantity of currency created is determined by purchases of the state (including goods, services and assets purchased by the Treasury and the central bank); much of this currency will then be removed from circulation as taxes are paid. The rest ends up in desired hoards, or flows to banks to be accumulated as bank reserves. Monetary policy then drains excess reserves, removing them from member bank accounts, and replacing them with bonds voluntarily purchased”.

Questa nozione di moneta e politica monetaria è presa dalla visione di Lerner della finanza funzionale. Secondo Wray “because the state spends by emitting its own liability, it does not need tax revenue or the proceeds from borrowing in order to spend”. Il primo principio della finanza funzionale di Lerner, quindi, è che il governo dovrebbe aumentare le tasse solo se scopre che il reddito della società è troppo alto, minacciando l'inflazione. In questo senso, la tassazione funzionerebbe per sottrarre potere d'acquisto al pubblico e mantenere il valore della moneta. Il secondo principio è che lo Stato dovrebbe vendere obbligazioni solo se è desiderabile che il pubblico abbia meno soldi.


“(…) the important point here is that Lerner argued that government finance should be functional, that is, formulated with a view to accomplishing the government’s goals, including full employment and low inflation. He opposed this to the notion of sound finance, which is the view that the government’s budget should be set to “balance” tax revenues against spending. Few supporters of sound finance argue for a continuously balanced national government budget. They accept deficits in recession but typically argue that these should be largely offset by surpluses in expansions. Some allow for deficits so long as these are undertaken for “investment” type purposes (this would be analogous to a private firm’s separation of its current account from its capital account, with its current account in balance but a deficit allowed on its capital account). Lerner insisted that all versions of sound finance should not be applied to the national government that issues its own currency. Government should never raise taxes to reduce its budget deficit, but rather should increase taxes only if inflation threatens. And, in line with the second principle, government should never sell bonds (what most economists call “borrowing”) simply because it finds itself with a budget deficit. Rather, bonds should be sold only if there is downward pressure on interest rates, pushing them below the central bank’s target rate.”


Dopo aver spiegato la logica dell'economia monetaria per la MMT, è necessario evidenziare i suoi due obiettivi principali di politica macroeconomica: mantenere la piena occupazione e mantenere la stabilità dei prezzi. Come si noterà, questi due obiettivi sono interconnessi e strettamente correlati a un regime fiscale flessibile. Nelle parole di Wray, “stable prices and truly full employment are possible and, indeed, are complements”.

Va notato, quindi, che i deficit fiscali non sono considerati un problema per questo aspetto.

Dice Wray in Understanding Modern Money: The Key to Full Employment and Price Stability: “(…) it is necessary to admit that our proposed policy could lead to an increase of government spending; indeed, a persistent government deficit could result. However, it should be clear (…) that we do not view this result with horror - as would many economists. Some 'liberal' economists and policymakers would be willing to accept more government spending and larger deficits if these could achieve full employment without causing accelerating inflation - even while they believe that bigger government and larger deficits necessarily negatively affect the private economy, they would be willing to accept this 'trade-off if full employment could be achieved. Others would reject this argument, arguing that the negative impacts of larger deficits outweigh any benefits of full employment. Our line of argument is different. We take the position that there is nothing inherently wrong with big deficits - these do not necessarily cause 'crowding out', they do not 'burden' future generations, and they cannot lead to 'financial ruin' of the government.”


Dato che il governo non avrebbe, quindi, limiti di bilancio alle sue spese, la MMT propone che lo Stato svolga la funzione di "datore di lavoro di ultima istanza". Questo sarebbe il punto centrale delle politiche consigliate dalla MMT, che contribuirebbe anche al mantenimento della stabilità dei prezzi (contrariamente a quanto indica la Curva di Phillips con il rapporto diretto tra il livello di occupazione e l'inflazione).

La proposta sarebbe la creazione di una “banca del lavoro”, in cui possono registrarsi tutte le persone che cercano lavoro e non lo trovano nel settore privato. Lo Stato assegnerebbe quindi ogni individuo a un'occupazione adeguata a seconda delle proprie qualifiche. Le persone impiegate in Employer of Last Resort (ELR) riceverebbero uno stipendio base (minimo), che sarebbe inferiore a uno stipendio pagato dal settore privato. Tuttavia, queste persone riceverebbero formazione e qualificazione per poter entrare nel mercato del lavoro privato. Questa politica servirebbe da "rete di sicurezza" per i disoccupati che fossero disposti a trovare un lavoro, avendo così una preoccupazione sociale.

Secondo la MMT, gli imprenditori non dovrebbero preoccuparsi di una perdita di potere contrattuale dovuta a un possibile rafforzamento sindacale (dovuto alla riduzione della disoccupazione). Con l'ELR, infatti, gli imprenditori avrebbero la possibilità di sostituire un dipendente inefficiente con uno in ELR, che creerebbe una sorta di “esercito industriale di riserva” altamente qualificato. Pertanto, questa misura collegherebbe un aumento della produttività (formazione della forza lavoro) con impatti sociali positivi (offrendo opportunità alle persone a basso reddito). Inoltre, l’ELR svolgerebbe una funzione di stabilizzazione automatica, poiché manterrebbe la piena occupazione (e di conseguenza, la domanda) in tempi di instabilità economica, mitigando la tendenza al ribasso degli investimenti privati. Mantenendo la domanda in tempi di crisi economica, lo Stato attenuerebbe gli impatti del ciclo, fornendo al settore privato migliori prospettive di profitto e minori incertezze.

Secondo Wray, un modo per il governo di mantenere la stabilità dei prezzi sarebbe utilizzare un input di base per la produzione come un'ancora nominale, mantenendo il prezzo fisso. In questo modo, altri prezzi nell'economia tenderebbero a prendere come riferimento il prezzo di questo input, facendo sì che l'inflazione rimanga stabilizzata. Wray propone che l'occupazione funzioni come questo input strategico, poiché l'intera produzione dell'economia dipende dai rapporti di lavoro. Ciò implica che lo Stato, fissando in modo esogeno il "prezzo marginale del lavoro", aiuterebbe a controllare i prezzi dell'economia ed evitare pressioni inflazionistiche.

Afferma Wray che: “With a fixed price, the government's BPSW [acronimo per il termine "basic public sector wage", che si riferisce allo stipendio di base per l'occupazione del programma ELR] is perfectly stable and sets a benchmark price for labour. However, low-wage jobs which pay at or below the BPSW before the ELR is implemented will experience a one-time increase of wages (or will disappear altogether). Employers will then be forced to cover these higher costs through a combination of higher product prices, greater labour productivity and lower realized profits. Thus some product prices should also experience a one-time jump as the ELR programme is implemented. If the BPSW is set at the statutory minimum wage, and if this minimum wage had universal coverage before ELR, then low-wage private sector jobs will experience only minimal impacts - private wages need rise only sufficiently to make private sector employment preferable to BPSE. In short, at the low end of the wage scale, implementation of ELR might cause wages and the prices of products produced by these workers to experience a one-time increase. However, this one-time jump - no matter how large it is - is not inflation nor can it be accelerating inflation as these terms are normally defined by economists (since inflation is defined as a continuously rising price level).”


Un'altra importante osservazione della MMT è che le politiche macroeconomiche devono essere analizzate per la loro efficacia nel raggiungimento dei loro obiettivi. Pertanto, gli obiettivi delle politiche economiche devono avere chiari obiettivi a lungo termine in modo da non essere confusi con i mezzi che, a breve termine, aiutano solo a raggiungere tali fini. Questa osservazione, a priori ovvia, solleva importanti critiche alla visione ortodossa che spesso pone regole macroeconomiche fini a se stesse.

La valutazione deve avvenire, quindi, in base all'impatto generale che uno strumento di politica economica può avere su altre variabili e come può essere influenzato dalla situazione economica. In questo senso, regole molto rigide, come l'inflazione e gli obiettivi di avanzo primario, possono essere controproducenti se, ad esempio, non tengono conto dei cicli economici. Perseguendo tali obiettivi senza considerare la fattibilità imposta dalla congiuntura, gli agenti politici potrebbero aggravare le crisi economiche e mettere a repentaglio il raggiungimento degli obiettivi a lungo termine. Per la MMT, il regime macroeconomico deve essere allineato nel suo insieme, ovvero le politiche fiscali e monetarie devono completarsi a vicenda per determinate strategie perseguite dallo Stato, come la piena occupazione e la stabilità dei prezzi.

La MMT afferma inoltre che le politiche considerate "fiscali", come il mercato aperto e il collocamento di titoli sul mercato, sono strumenti per controllare il tasso di interesse e non fonti di finanziamento delle spese. Wray afferma anche che lo Stato ha il potere di determinare i prezzi attraverso la politica fiscale, quando interagisce direttamente con il settore privato. In questo senso, una politica fiscale espansiva sarebbe inflazionistica solo se l'aumento dei prezzi fosse sanzionato dal governo. Nelle parole di Wray:


“Government spending can thus be 'inflationary' but not necessarily due to any simple 'supply' or 'demand' effect as conventional wisdom suggests - rather, by determining the value of the currency through its fiscal policy. A government might not realize that it has the power to set prices exogenously; in this case, it might pay the market- determined price. If prices are rising, the government might believe that it must also increase the price it pays. However, as our analysis makes clear, government always has the alternative of refusing to increase the price it pays, although it is a bit more difficult for government to impose deflationary prices on the system if it accepts bank money in payment of taxes than if it were to accept only fiat money.”


Pertanto, la MMT afferma che le principali restrizioni alle politiche macroeconomiche dei paesi sono, in realtà, autoimposte dai governi stessi che seguono la visione delle "finanze sane". Come indicato, i governi non hanno restrizioni sull'offerta di titoli di Stato o sulla creazione di valuta e non incontrano problemi nel finanziamento dei deficit. I limiti a questa azione sarebbero dal lato della domanda, cioè l'accettabilità pubblica dei titoli di Stato o della valuta di Stato, che, in generale, non rappresenterebbe un problema. Fintanto che il debito pubblico è denominato in valuta emessa dallo Stato stesso, il livello del debito e la sua sostenibilità non limiterebbero la capacità di azione dello Stato. 


Un buon libro come introduzione alla MMT: “Il mito del deficit. La teoria monetaria moderna per un’economia al servizio del popolo” di Stephanie Kelton


L’ultimo decennio ha segnato il culmine della follia degli economisti. Ma è stato anche caratterizzato dalla divulgazione di una dottrina che ha tentato di contrapporsi al New Macroeconomic Consensus. Mi riferisco alla Modern Monetary Theory, il cui acronimo internazionale è MMT.


Chiariamoci subito la MMT non è una dottrina comunista, cerca di dimostrare che il governo non è prigioniero delle restrizioni fiscali, né è nelle mani dei creditori. La MMT non è così moderna. I suoi principi sono stati menzionati nel lavoro di grandi economisti come Adam Smith, Keynes, Minsky, Samuelson, tra gli altri. La MMT si presenta come una semplice descrizione della politica monetaria praticata nei paesi sviluppati. Una simile vicinanza tra teoria e pratica è rara in economia.

Le teorie economiche convenzionali sono costruite su modelli che distorcono la realtà. I modelli ultraliberali, ad esempio, creano un mondo immaginario in cui non ci sono monopoli, disoccupazione involontaria o abusi del potere economico. Allo Shangri-la dei Chicago Boys, le uniche imperfezioni economiche sono causate dal governo o dai sindacati.


Appena uscito in Italia a dicembre ho letto "Il mito del deficit" di Stephanie Kelton. È il libro più popolare scritto sulla MMT. Per coloro che non la conoscono, Kelton è l'economista capo del senatore Bernie Sanders, che non è riuscito a diventare il successore di Donald Trump. 

Kelton è rimasta colpita dall'ossessione dei membri del Congresso americano nel combattere il deficit pubblico. Questa ossessione era comune a repubblicani e democratici. L'unica differenza è che i repubblicani, il partito di Trump, sostengono la lotta al deficit tagliando la spesa, imponendo sacrifici ai poveri. E i Democratici, il partito di Joe Biden, sostengono la riduzione dei deficit aumentando le entrate, ovvero spingendo il disegno di legge di aggiustamento per i più ricchi.


Vale la pena ricordare che la sovranità monetaria non si applica ai governi regionali o i comuni: non emettono la propria valuta. Né ai governi dei paesi che hanno ancorato la loro valuta al dollaro o hanno aderito a una valuta comune, come l'euro. E va aggiunto che anche i paesi che godono di sovranità monetaria, come gli USA, non la esercitano pienamente. Vivono sotto il vincolo di vincoli di bilancio autoimposti.


Kelton elenca le numerose restrizioni di bilancio che il Congresso degli Stati Uniti ha imposto al governo federale. Tali restrizioni impediscono al governo americano di espandere la spesa fiscale, a vantaggio del settore dell'economia reale. In altre parole, le spese fiscali sono monitorate negli Stati Uniti e nel mondo proprio come le perdite da una centrale nucleare.


Ma, paradossalmente, non ci sono restrizioni alla spesa legata alla politica monetaria. Il settore finanziario privilegiato in tutto il mondo. La Federal Reserve, come le banche centrali di tutto il mondo, ha carta bianca per emettere montagne di denaro a copertura dei buchi  causati dai banchieri e dai grandi speculatori. Questo è quello che è successo durante la crisi finanziaria del 2008 e, a quel tempo, i responsabili della crisi non furono puniti.


Kelton sostiene che i governi dei paesi con sovranità monetaria non si preoccupino così tanto dei deficit pubblici. Possono spendere più di quanto raccolgono e finanziare il deficit in maniera quasi indolore. Hanno il potere di emettere moneta cartacea. Dal 2008, questi paesi hanno moltiplicato le rispettive basi monetarie per dieci o quindici, senza effetti inflazionistici. L'inflazione, sostiene, riappare solo quando l'economia si surriscalda a causa della piena occupazione del lavoro e di altri fattori di produzione.


La MMT insegna che il semaforo rosso che il governo ha pagato in eccesso non è nel deficit fiscale ma nell’inflazione. Quindi è importante notare che la MMT non sostiene emissioni monetarie e spese fiscali illimitate. Suggerisce di limitare le politiche economiche espansive ai periodi in cui l'economia è priva di pressioni inflazionistiche e alta disoccupazione.


Il secondo modo indolore per finanziare il deficit fiscale è vendere titoli di Stato che pagano interessi prossimi allo zero. La MMT mostra che la banca centrale può operare nel mercato finanziario mantenendo i tassi di interesse sui titoli di Stato estremamente bassi. Tutti i paesi sviluppati lo fanno da decenni.


E la banca centrale può persino ridurre il debito interno del governo. Per farlo è sufficiente che la banca centrale si rechi sul mercato secondario per acquistare i titoli di Stato emessi dal Tesoro. Stephanie Kelton ha citato l'esempio della banca centrale giapponese, che ha semplicemente acquistato e ritirato il 50% del debito del governo giapponese.

La cosa importante da evidenziare è il messaggio centrale del libro di Kelton sulla MMT. I deficit sono importanti solo a causa di regole autoimposte che li rendono importanti. Il deficit fiscale di un paese sovrano può essere finanziato in modo indolore, soprattutto durante una recessione, tramite emissioni monetarie o tramite la vendita di titoli di Stato che pagano tassi di interesse molto bassi.


Questo perché il governo di un paese sovrano ha il monopolio dell'emissione monetaria e il potere di forzarne l'accettazione da parte di persone e aziende. Questo monopolio può essere utilizzato per arricchire banchieri e rentiers e per indebolire lo Stato.


Ma il monopolio potrebbe essere facilmente utilizzato per potenziare lo Stato. I deficit fiscali sovrani possono essere estesi all'infinito. E il debito del governo può essere facilmente controllato o ridotto attraverso il controllo che la banca centrale ha sul tasso di interesse. La più grande prova di ciò è che le banche centrali dei paesi sviluppati rendono negativo il tasso di interesse di base quando lo vogliono.



Note critiche marxiste a margine


Intervenendo nel dibattito sulla necessità dello Stato e sulla sua (relativa) autonomia rispetto alla società, a partire da Marx, Suzanne de Brunhoff afferma che lo Stato è sia condizione che risultato del processo produttivo capitalistico. A questo proposito, facendo eco al salvataggio althusseriano di Engels, l'autrice sottolinea che, nel contesto di una società divisa in classi, lo Stato è caratterizzato, allo stesso tempo, da una "esteriorità", qualcosa che è “al di sopra della società”, e per “immanenza”, legata all'importante ruolo economico che deve svolgere. È questa “posizione contraddittoria” - ei due termini di questa contraddizione hanno significato, naturalmente, solo nel rapporto che instaurano tra loro - che sostiene la relativa autonomia dello Stato di fronte all'accumulazione di capitale.


“Dalla concezione di Stato qui esposta da Marx, si può ritenere che non vi sia Stato che ha, tra gli altri compiti, una "funzione economica", ma che l'immanenza e l'esteriorità sono collegate e che l'effetto di queste dipende da condizioni oggettive, grazie al quale costituisce un “insieme sistematico” di pratiche statali. Senza queste condizioni, il "potere statale" non può nulla.”


L'azione dello Stato, al tempo stesso immanente e non riducibile al rapporto fondamentale di sfruttamento, può essere meglio colta, sostiene l'autrice, considerando le particolarità dei beni considerati “speciali” nel modo di produzione capitalistico, cioè, la forza-lavoro e la moneta. Ciò è dovuto al fatto che tali beni speciali - data la particolare relazione in essi stabilita tra valore d'uso e valore di scambio - richiedono l'intervento dello Stato (gestione / sanzione) per la loro continua riproduzione.


"La gestione statale della merce privata che è la forza lavoro (inseparabile dalla continua offerta di manodopera a basso costo M), la gestione statale della moneta (legata all'accumulazione di capitale-moneta D), sono gli assi principali di una azione statale, inseparabile dalla produzione e dalla circolazione capitalistica in generale ".


Entrando nell'analisi dell'azione dello Stato sul denaro, dobbiamo recuperare l'idea che il denaro come equivalente generale, validatore sociale di lavori privati e responsabile dell'inserimento sociale delle classi, ha un carattere sociale che non può essere soggetto a interessi privati. Da qui la necessità dello Stato nella gestione monetaria.

Lo Stato ha un ruolo gerarchicamente superiore, dato il suo carattere pubblico, che gli consente di intervenire nelle dinamiche monetarie, ma questo ruolo è limitato nel senso che non può controllare appieno le dinamiche sociali di cui fa parte. Lo Stato, quindi, non è da confondere con questa dinamica, che coinvolge la società nel suo insieme, sebbene vi partecipi e non può, quindi, controllarla in toto. Nonostante questa limitazione, lo Stato svolge un ruolo importante nel complesso processo di riproduzione dell'equivalente generale, che implica l'imposizione di norme, leggi, regolamenti, pratiche e accordi formali di natura economica e politica. Si tratta, quindi, di “un'azione dello Stato che è contemporaneamente esterna e immanente alla circolazione del capitale. L'intervento dello Stato non crea la forma monetaria, che si costituisce nella circolazione mercantile, ma contribuisce a determinarla come tale ”.


"[Lo Stato] partecipa al movimento delle contraddizioni dalla circolazione delle merci. Senza di esso, non ci sarebbe la fissazione di uno standard di prezzo come unità di misura; non ci sarebbe il conio dell'oro in valute che circolano all'interno di un dato paese; non ci sarebbe una garanzia della validità dei segni d'oro usati come mezzi di circolazione, non ci sarebbe formazione di una moneta nazionale da scambiare con valute estere. L'azione monetaria dello Stato ha un duplice carattere: ratifica alcune contraddizioni dell'equivalente generale, mascherando il ruolo determinante del valore di scambio e convalidando pratiche monetarie diversificate (conio di monete d'oro, emissione di banconote che possono non essere convertibili in oro), ma, d'altra parte, contribuisce alla necessaria articolazione delle forme e delle funzioni della moneta ".


È il potere gerarchicamente superiore dello Stato che gli consente di adempiere a queste funzioni. La monetazione, la tesaurizzazione e il relativo controllo sulla circolazione del denaro corrispondono all'instaurazione di un potere generale e uniforme dello Stato su tutto il territorio nazionale. In quanto gestore centrale del denaro, lo Stato è portato a gestirlo in relazione alla sua riproduzione come equivalente generale. Pertanto, l'intervento statale in materia di denaro,


"presuppone l'esistenza della coercizione, cioè l'uso di una moneta che deve essere sempre accettata come mezzo di pagamento stabile e valido nel Paese e a livello internazionale. Questa coercizione non è altro che quella dell'invariante - equivalente generale (padrone, mezzi di circolazione, mezzi di riserva, mezzi di pagamento). "


L'appropriazione del denaro è, inoltre, una fonte di potere politico, poiché il potere dell'equivalente generale costituisce una leva materiale che può sempre essere mobilitata, convertibile in qualsiasi merce (e il potere creatore di denaro dello Stato è, in questo senso , sicuramente molto importante, in termini economici e politici). È il potere sociale del denaro, come equivalente generale e valore per eccellenza, per Marx, giustifica che può essere desiderato come un tesoro in certe occasioni, quando "il potere sociale diventa potere privato degli individui". In queste circostanze, l'esistenza della tesaurizzazione afferma il riconoscimento sociale del denaro, la sua accettazione sociale per adempiere a questo ruolo di equivalente generale e di "rappresentante universale della ricchezza materiale", anche quando inconvertibile.

In considerazione di ciò, "il potere monetario dello Stato è necessariamente limitato dal potere sociale che la moneta conferisce agli individui che accumulano". L'iniezione o il ritiro di moneta in circolazione da parte delle autorità monetarie può essere controbilanciata dalla tesaurizzazione o dal depotenziamento da parte del settore privato, che limita il controllo sulla circolazione monetaria, rendendo endogena la circolazione monetaria e le dinamiche. Questo è ciò che porta Marx a sostenere che la funzione della tesaurizzazione è simile a quella di un “canale adduttore” della circolazione.


Il potere di uno Stato nazionale, a sua volta, è anche limitato dal potere di altri Stati, cioè “la tesaurizzazione pubblica di una nazione significa che il potere monetario di uno Stato è limitato da quello di altri Stati. Gli effetti politici e sociali della moneta dipendono dalla sua natura economica, come espressione di una divisione della società in agenti economici autonomi ”.


Detto questo, poiché il denaro non ha un valore intrinseco, la convalida sociale dei beni e la legge del valore vengono imposte, quindi, o sul denaro (come equivalente generale) o sui beni, in definitiva, attraverso l'operazione denominata da Brunhoff di restrizione monetaria, o coercizione monetaria ("contrainte monétaire"), che è: 1) la necessità che tutte le merci siano convertite in contanti, 2) che tutte le forme di denaro vengano eventualmente convertite in equivalenti generali, 3i) e la necessità che l'equivalente generale si riproduca come tale. In questo processo, la questione del ruolo monetario dello Stato e dei suoi limiti è particolarmente importante. 


Quando la moneta viene creata dal sistema bancario entra in circolazione, anticipando la validazione sociale dei lavori privati contenuti nei beni acquistati, poiché le banche sono soggetti privati ​​e non possono validare definitivamente tale contenuto sociale. Quando lo Stato garantisce la valuta bancaria, assicura la convertibilità delle valute bancarie in valuta nazionale. Ma il contenuto del lavoro privato è solo “pseudo-convalidato”, poiché la società non si è ancora manifestata (attraverso l'acquisto / vendita di beni sul mercato) quanto al suo carattere socialmente necessario. È necessario che la dinamica monetaria nel suo insieme continui a funzionare affinché questa convalida sociale sia completata.


È anche necessario che lo Stato nazionale assicuri la convertibilità della valuta nazionale in una valuta internazionale - qualcosa di necessario, ma non sempre garantito. In questo processo, l'autorità monetaria cerca, ad esempio, tra il fornire, da un lato, denaro sufficiente per garantire l'accumulazione di capitale e la convalida sociale dei lavori privati coinvolti, di garantire la convertibilità delle valute bancarie, private e, d'altro canto, evitare la perdita del riconoscimento (sociale) della valuta a causa dell'inflazione. L'inflazione e le crisi dei cambi, in questo senso, sono indicazioni che non fanno altro che esprimere le difficoltà imposte per l'adempimento della restrizione monetaria e per la validazione sociale dei beni in generale, e rispecchiano così i limiti del ruolo e del potere della politica monetaria dello Stato.


Sia l'inflazione che le crisi dei tassi di cambio, in questo approccio, rivelano problemi imposti alla gestione monetaria dello Stato, perché spiegano, sulla base di una definizione marxista del denaro come rapporto sociale, la fuga dalla moneta nazionale e l'indebolimento o la perdita del suo riconoscimento come equivalente generale. Questa perdita di riconoscimento è, inoltre, ben compresa da Minsky quando sottolinea che “chiunque può creare denaro, il problema è farlo accettare”. Per la MMT, tuttavia, questo limite non sembra essere un problema per la valuta creata dallo Stato. A questo proposito, loro sostengono che: “‘taxes drives money’: if a sovereing has the power to impose and enforce a tax liablility, it can ensure a demand for its currency”.

In questo senso, lo Stato si assume anche il potere di garantire l'accettazione della moneta da esso creata.

A questo punto, va notato che anche lo Stato che emette la moneta internazionale ha dei limiti, seppur minori, per quanto riguarda il proprio potere monetario. Tali restrizioni sono imposte dai conflitti provocati nella sua gestione tra gli agenti privati ​​del paese emittente, beneficiati o danneggiati dall'evoluzione del valore della valuta. Se, ad esempio, il dollaro si apprezza, danneggia gli esportatori. Se, al contrario, viene svalutato, danneggia importatori e creditori. Ciò limita il potere dello Stato nazionale che emette la moneta internazionale, dimostrando che, anche in questo caso, diventa necessario assicurarsi che la moneta emessa svolga il ruolo di equivalente generale che dovrebbe avere il denaro.


Pertanto, sulla base dell'analisi qui presentata, i limiti della gestione monetaria dello Stato esistono in gradi diversi per tutti gli Stati nazionali - siano essi di paesi meno sviluppati le cui valute sono inconvertibili, siano essi paesi più sviluppati con valute convertibili, sia esso lo Stato nazionale emittente della valuta internazionale, come il dollaro. Quindi, come vedremo in dettaglio più avanti, il ruolo monetario dello Stato è molto più limitato di quello presentato dalla MMT, un modello analitico in cui lo Stato garantisce non solo la crescita della produzione e dell'occupazione, ma è anche potente nel regolare la moneta.


Per i teorici della MMT, questi limiti non esistono o non devono esistere per la maggior parte degli Stati nazionali, dato che i governi sovrani sono quelli che creano la propria valuta. Solo i paesi che adottano tassi di cambio fissi o amministrati non sono sovrani, da qui: “a government that promises to convert its own currency on demand and at a fixed exchange rate is constrained by its ability to obtain that to which it promises to convert”.

In questo senso, sono vincolati finanziariamente. L'opposto si verifica con i paesi che adottano tassi di cambio flessibili, indipendentemente dal loro grado di sviluppo economico e potere politico.


La concettualizzazione del ruolo monetario dello Stato nell'approccio marxista, al contrario, presuppone che ci siano gerarchie tra le valute e che, per riprodursi come tale, l'equivalente generale debba subire un complesso e dinamico processo di sanzione sociale. Ciò comporta l'azione stabilizzatrice dello Stato, ancorato al potere economico e politico nazionale che rappresenta, ragione della gerarchia tra le valute, ma anche della società nel suo insieme, quando partecipa al processo di produzione, circolazione e distribuzione, accettando o rifiutando la moneta nazionale durante tutto questo processo (pervasa, ovviamente, dalla lotta tra le classi).


La convertibilità generale tra merci e forme di denaro, a rischio di perdere il loro riconoscimento sociale, esige una certa (anche se non piena) proporzionalità, rivelando, in questo modo, il carattere relativo dell'autonomia tra prezzi e valori, e, quindi, la necessità di preservare la legge del valore in ultima istanza - che consente al simbolo del valore (denaro) di mantenere una certa connessione con il valore che presumibilmente rappresenta. Il riconoscimento del denaro non è quindi sostenuto da alcun valore intrinseco, ma dalla sua capacità di consentire il progresso della riproduzione e dell'accumulazione del capitale.


Diventa quindi evidente che questo processo sociale è anche politico e ideologico, e non può essere concepito come strettamente "economico" della riproduzione complessa dell'equivalente generale come validatore sociale del lavoro impegnato nella produzione di beni e della restrizione monetaria come imposizione irregolare e, in ultima analisi, della legge del valore. L'esistenza e la continua riproduzione del denaro, in particolare la sua accettazione sociale, sono supportate anche da rapporti politico-ideologici garantiti, sanzionati e gestiti dallo Stato - un potere, come si è scoperto, al tempo stesso autonomo e sottomesso alla società nel suo insieme. Il denaro, ovviamente, non è solo una creatura del mercato o dello Stato, cioè ha un ruolo significativo per lo Stato sebbene limitato dall'influenza che gli altri partecipanti alla società hanno sulle dinamiche monetarie.


Coercizione o restrizione monetaria (contrainte monétaire) significa, come abbiamo visto, la necessità di un'adeguata riproduzione del denaro come equivalente generale per tutta la produzione di mercato. La moneta non è dunque mai, come sostiene Brunhoff, un semplice strumento di classe, anche se amministrata nell'interesse di una di queste classi, e anche se ha l'effetto oggettivamente di occultare i rapporti di produzione. "Nella contraddizione tra immanenza / esteriorità dello Stato in relazione alla società di classe e alle sovrastrutture, l'aspetto dominante è ora l'immanenza, ora l'esteriorità (nel caso del denaro, ora la gestione, ora la sanzione politica)". Ciò significa che, nonostante sia continuamente chiamato a gestire / sanzionare denaro, lo Stato non ha pieni poteri su di esso, dato che


"la decisione politica del governo in merito al valore della moneta nazionale - così come le condizioni per la sua riproduzione - è "sovradeterminata" politicamente e socialmente. Ciò non sorprende se si ammette, da un lato, che la moneta è un rapporto sociale , tuttavia ciò non si presenta come tale, e che un intervento politico è interpretabile solo in modo definitivo se relativo a determinate contraddizioni economiche e sociali".

Poiché l'efficacia dell'azione statale in questo senso è limitata, è possibile concludere che lo Stato è necessario, ma non può risolvere, da solo, le acute contraddizioni del capitalismo, agendo per spostarle (anche attraverso l'azione interessata al denaro) in tempo e spazio, da un settore all'altro, da una regione all'altra, e così via. Pertanto, la gestione della forza lavoro e del denaro svolta dallo Stato cambia nel corso della storia del capitalismo, assumendo modalità diverse, ma non per questo è meno legata alla formula generale del capitale in tutti questi momenti.


Tale limitazione relativa e relazionale del potere monetario dello Stato è assente nelle analisi della MMT. Al contrario, lo Stato non solo può creare e crea denaro per finanziare le proprie spese, ma può garantirne l'accettazione esigendo il pagamento delle tasse, determinandone il valore e gestendo il deficit per garantire crescita e occupazione.

Wray afferma che: “most of the pressures that government currently believe arise from international markets are actually self-imposed constraints that arise from a misunderstanding of the nature of government deficits- (...) Until full employment is reached, deficits can be increased to allow incomes to rise and generate more net saving. Once full employment is reached, additional deficit spending will generate additional income that is likely to cause inflationary pressures - except in the unlikely case that all additional income represents desired net saving. Beyond full employment, then, any further reduction of taxes or increase of government spending (increasing deficit spending) is likely to reduce the value of money as prices are bid up.”


Keynes ha anche giustamente richiamato l'attenzione sul fatto che l'aumento della domanda pubblica, anche in deficit, potrebbe compensare la carenza di domanda causata dalla preferenza per la liquidità (che inibisce gli investimenti e la crescita del reddito e dell'occupazione). Vedremo, in seguito, come la visione dei limiti al potere monetario dello Stato qui presentata porti ad una diversa interpretazione del suo ruolo economico, pur concordando con la possibilità e la necessità del verificarsi di disavanzi pubblici. In particolare, analizzeremo questi limiti di azione dello Stato nel caso di valute periferiche e nel caso di difficoltà imposte al ruolo dello Stato datore di lavoro di ultima istanza.





Sappiamo che il denaro è l'incarnazione della ricchezza astratta che non è soggetta a limiti immanenti, nessuno ne avrà mai abbastanza a disposizione. L'autonoma incorporazione del "valore", mediante la quale si attua la socializzazione economica della produzione di beni, diventa essa stessa il fine principale dell'attività economica capitalistica: il commercio e la produzione devono generare continuamente, e ad ogni costo, nuovo somme di denaro.

Possiamo dire che la moneta in Marx è endogena - endogeneità qui intesa come ciò che, intrinsecamente, all'interno del sistema produttivo, influenza la gestione / offerta di moneta, o, in altri parole, il postulato che l'offerta di moneta sia una funzione della domanda di moneta (i bisogni di produzione e circolazione determinano la quantità di moneta in circolazione). Questo si può vedere quando si tiene conto che, per Marx, il denaro nasce dalla logica stessa del processo di produzione della merce, come risultato delle determinazioni della merce - più specificamente, dalla contraddizione privato-sociale che la caratterizza e di cui ha bisogno per movimentare i soldi.


Si manifesta anche nella sua funzione di mezzo di accaparramento, fungendo da canale di circolazione e dall'idea che l'offerta di credito è il risultato delle pressioni della domanda che derivano dal ritmo degli affari. In tutti questi argomenti, Marx dimostra che l'offerta di moneta è endogena, così come per l'eterodossia monetaria in generale, compresa quella post-keynesiana.

L'endogeneità della moneta, valutata secondo la visione marxista, è uno dei modi per verificare il limite del potere monetario dello Stato, sia per gestire la circolazione (sia dal punto di vista della quantità di moneta che del suo valore) che nel gestire la politica monetaria in modo efficiente o "preciso". Questa endogeneità è presente anche nella concezione post-keynesiana, data la preferenza per la liquidità, che è al di fuori del controllo delle autorità monetarie. Tali limiti non appaiono però con la dovuta chiarezza nella percezione della MMT, poiché, per questa, spetta allo Stato, come già accennato, definire il valore della moneta e controllare o regolare l'economia per compensarne movimenti deflazionistici e inflazionistici. Lo fa usando la politica fiscale e non la politica monetaria, come postulato dagli altri post-keynesiani, attraverso spese e deficit, che espandono l'offerta di moneta, tasse e surplus, che drenano la quantità di valuta in circolazione.


Si noti, tuttavia, che Wray percepisce, in un certo senso, i problemi legati al controllo delle dinamiche monetarie nel caso delle valute periferiche quando si tratta di titoli di Stato e la necessità di venderli. Per la MMT è un'illusione pensare che i governi vendano obbligazioni per finanziare le proprie spese, poiché lo fanno spendendo e mettendo in circolazione la valuta che emettono. Vendono obbligazioni, quindi, per ridurre le riserve in eccesso, a breve termine, “to prevent a Fed funds market break”. Wray dice che c'è solo un caso in cui il mercato costringe il governo a emettere obbligazioni denominate in valuta estera: quando il governo ha bisogno di acquistare qualcosa che non è prodotto a livello nazionale. In questo caso, non è possibile creare la valuta desiderata dai venditori o impostare il prezzo da pagare nella valuta stessa.

Allora: “The government may have little influence over the foreign-currency price at which the bonds will sell. It will have to obtain additional foreign currency in the future to service the debt. … In this one case, the austerity can be at least partially blamed on ‘market discipline’.”


In effetti, questa analisi di Wray è dovuta al fatto che il dollaro, moneta nazionale, svolge la funzione di moneta internazionale. Negli scritti successivi, tuttavia, questi limiti appaiono ancora più ridotti, essendo limitati ai paesi che hanno tassi di cambio fissi o amministrati. Al contrario, l'idea di restrizione monetaria qui discussa impone più di tali limiti, perché li impone, seppur in misura minore, anche al paese che emette la moneta internazionale.


Sappiamo che i sistemi monetari contemporanei si basano su due principali forme di valuta: la carta moneta inconvertibile emessa dalla Banca Centrale e la valuta di credito prodotta dalle banche commerciali. La prima annulla eventuali debiti e può essere utilizzato per pagare le tasse, la seconda è costituita da passività di istituti finanziari privati ​​(compresi depositi e banconote), che offrono diritti su altre forme di valuta. In questo modo, la quantità e il valore di scambio di questa moneta di credito sono regolati indirettamente dall'anticipazione del credito e dal pagamento dei debiti (qualcosa sottoposto ai processi di produzione e accumulazione), ma anche, su un altro livello, dall'influenza e dall'azione della Banca Centrale sulle operazioni del sistema finanziario. Analizziamo ora, più in dettaglio, cosa significa questo per una lettura delle tensioni tra denaro, Stato e potere.


Le suddette valute di credito delle banche private richiedono, per essere accettate in circuiti estesi, una certa socializzazione, o “convalida sociale”. È un processo che si attua proprio attraverso la centralizzazione pubblica. "La 'gestione del denaro statale', che è indispensabile, consiste in particolare nel fornire alle banche secondarie moneta centrale a un prezzo che è il tasso di interesse monetario" dice Suzanne Brunhoff. "Senza un intervento centrale, le valute private potrebbero avere differenze di prezzo tra loro, a seconda della situazione dei loro emittenti", contraddicendo la necessità di un'unità di conto (qualcosa che è accaduto, ad esempio, negli USA nel XIX secolo, prima che venisse istituita la Federal Reserve). Una volta istituita l'emissione da parte di una Banca Centrale e, quindi, la convertibilità di tutte le altre valute una contro l'altra emesse centralmente, le innumerevoli valute della banca privata finiscono per diventare omogenee, e quel “mezzo di pagamento, creato nel rapporto di credito tra una banca e un prestatore, è convalidato come un elemento dell'equivalente generale". Ecco perché: “l'emissione di moneta centrale non è un intervento statale artificiale in un dato mercato, ma fa parte delle condizioni per il funzionamento di quel mercato. Così come non ci sono merci senza valuta, non ci sono valute di credito private senza una valuta centrale.”


La moneta capitalista, pensata in modo unitario, si basa, quindi, su due componenti: una privata, la moneta delle banche, e un'altra pubblica, la moneta della Banca Centrale. In ogni caso, questo meccanismo ci aiuta a capire, ancora una volta, perché il denaro è endogeno. Lo Stato, tramite la Banca Centrale, non "crea" la moneta direttamente e impunemente, ma lo fa sanzionando socialmente la sua creazione.


“Qualunque sia la situazione, il mercato monetario tra banche prestatrici e mutuatari di riserva ("fondi federali", conti bancari presso la Banca centrale) è solitamente il luogo in cui vengono espresse le esigenze della banca centrale. [...] Questa gestione dei pagamenti differisce dalle operazioni di soccorso che mascherano le debolezze delle grandi banche, ma fa anche intervenire la Banca Centrale come prestatore di ultima istanza. Ratifica, a costo variabile, una creazione di valuta di cui non è lo stimolatore. I suoi interventi non possono dar luogo al credito privato, che dipende principalmente dal rapporto tra banche e imprese: non è il “denaro facile” la fonte della crescita economica, non fa altro che accompagnarla e favorirla. Al contrario, una potente restrizione al rifinanziamento delle banche da parte della Banca Centrale non provoca la crisi economica, ma la cristallizza.”


Ciò significa, che nelle economie di mercato capitaliste, il denaro - come forma generale di ricchezza - è sia un bene pubblico che un oggetto di desiderio privato. In questa condizione di “bene pubblico”, è un riferimento per tutti gli atti di produzione e scambio di beni, nonché per la misurazione della ricchezza. Per questo deve essere soggetto a regole di emissione, circolazione e distruzione che ne sostengano e riaffermino continuamente la sua universalità come standard di prezzo, mezzo di circolazione e forma generale di ricchezza.


Ne deriva il processo di “centralizzazione conflittuale”, nelle parole di Brunhoff, svolto nel rapporto tra banche secondarie e Banca Centrale, dinamica che assume diverse forme concrete in relazione alle azioni di governo riguardanti il ​​ruolo della Banca Centrale come prestatore di ultima istanza. Pertanto, se ci sono, in un dato momento, diversi tipi di "valute" in circolazione in una sfera nazionale, è necessario che lo Stato garantisca in qualche modo la sua condizione o "qualità" monetaria - il che accade, in quanto convertibili nella moneta di cui lo Stato è direttamente responsabile. In presenza di più Stati, è inoltre necessario che vi sia un certo grado di convertibilità tra le valute nazionali. Ciò presuppone l'esistenza di una moneta di riferimento internazionale, messa in circolazione secondo regole di gestione "concordate" dagli Stati o ad essi imposte.


Questa descrizione mostra, quindi, che la restrizione monetaria si verifica nel rapporto tra lo Stato e gli agenti economici, ma anche in un'economia internazionale, tra i diversi Stati nazionali. Esiste, quindi, una gerarchia di valute, in cui inizialmente abbiamo la valuta della banca, che è una valuta privata e che deve essere convertita in valuta nazionale; un secondo livello, dove la moneta nazionale appare con il suo carattere pubblico superiore e il terzo livello, quello della valuta internazionale in cui le valute nazionali devono essere convertite.


La difficoltà dei paesi periferici, a questo riguardo, si manifesta nella misura in cui le loro valute non sono facilmente convertibili in altre, proprio perché non sono sostenute da pari potere economico (e politico). Hanno bisogno di risorse esterne, ma non possono ottenerle attraverso semplici operazioni di acquisto e vendita di beni e servizi, data la natura di ciò che in essi si produce. Hanno bisogno di acquistare all'estero perché non producono ciò di cui hanno bisogno a livello nazionale. La maggior parte dei loro vantaggi tecnologici dipende dai paesi centrali. I loro debiti sono denominati nelle valute di altri paesi e devono essere pagati in esse, il che richiede la necessità permanente di ottenerli - cosa che non accade senza problemi e difficoltà. Pertanto, l'afflusso e il deflusso di risorse esterne è, in una certa misura, in balia degli interessi di questi paesi, tranne quando lo Stato assume il controllo regolatorio in questo campo.


In quest'ultimo caso, tuttavia, per quanto grandi siano i vantaggi di tale regolamentazione rispetto al lasciare la situazione al mercato, le difficoltà non sono piccole, il che mostra i limiti di alcune valute e il loro potere inferiore nella gerarchia monetaria.


Da un lato, è corretto, come sostengono Aglietta e Orléan, che il denaro è il risultato di una violenza fondamentale che garantisce la coesione sociale delle società mercantili, come momento decisivo nel processo di socializzazione. D'altra parte, la fiducia gioca indubbiamente un ruolo importante nella riproduzione sia economica che politica dell'equivalente generale - fiducia qui intesa come fenomeno sociale. Questo perché l'accettabilità del denaro da parte degli agenti si basa sul presupposto che tutti gli altri saranno disposti ad accettarlo, nel prossimo round, come una forma generale di ricchezza e l'esistenza del valore dei beni. Anche in questo caso, il potere economico sostiene la fiducia e il riconoscimento sociale delle valute, in modo gerarchico, secondo il criterio della convertibilità.


Quindi, come abbiamo visto prima, il denaro può essere creato dallo Stato, ma deve essere accettato e riconosciuto come un equivalente generale dalla società nel suo insieme, cosa che non avviene senza problemi, in particolare, nel caso delle economie periferiche. In primo luogo, la creazione di moneta può essere fatta dallo Stato, ma la garanzia della sua domanda può essere ostacolata dalle difficoltà politiche poste dall'imposizione delle tasse. Inoltre, la perdita di fiducia nella moneta può portare alla fuga di fronte ad essa e alla ricerca della maggiore liquidità offerta dalla moneta internazionale, che minaccia il potere monetario dello Stato. Anche con la possibilità, suggerita dalla MMT, del controllo del capitale, ciò rende più difficile la politica economica e compromette, minacciandolo, il potere stesso dello Stato affermato dalla MMT. Questo è ciò che si può vedere dietro le discussioni sulle difficoltà imposte alle valute periferiche, o quelle che si trovano a un livello inferiore nella gerarchia monetaria internazionale.


L'asimmetria monetaria derivante da questa gerarchia valutaria porta a una maggiore vulnerabilità delle valute periferiche. La necessità di valuta internazionale, da un lato, limita le politiche monetarie interne, poiché il tasso di interesse viene utilizzato per attrarre o impedire il deflusso di capitali esteri. D'altra parte, questa asimmetria è responsabile di un maggiore afflusso di capitali in periodi di boom e abbondante liquidità internazionale, e di un maggiore deflusso di capitali in periodi turbolenti e calo della liquidità disponibile, portando le economie periferiche a cicli riflessi dipendenti da ciò che accade all'estero.


Tali difficoltà sono legate all'inconvertibilità delle valute periferiche. Gli autori ortodossi associano solitamente la bassa convertibilità di queste valute alla limitazione imposta ai mercati, o alla mancanza di libertà nella circolazione dei capitali che imporrebbe un premio aggiuntivo sul tasso di interesse, per il timore di politiche che limitano o creano barriere alla convertibilità. Tuttavia, la debolezza o inconvertibilità delle valute periferiche è di ordine “genetico-strutturale”. La domanda di valuta estera è una funzione degli stock di ricchezza e di debito. Si tratta, quindi, di fiducia nella moneta che dipende da fattori oggettivi legati al potere economico. Il potere economico, quindi, dipende dalla maggiore facilità o difficoltà di garantire non solo la conversione dei beni in contanti, ma anche la convertibilità delle valute in equivalenti generali e, in ultima analisi, la riproduzione della stessa valuta internazionale in equivalenti generali - qualcosa che non avviene senza problemi.


In relazione a tali conflitti, vale la pena aggiungere, infine, che se è possibile parlare, in senso lato, di meccanismi di violenza e di fiducia nella riproduzione del denaro come equivalente generale, ciò avviene solo all'interno del movimento di lotta tra le classi - un conflitto produttivo e distributivo in cui la gestione del denaro occupa una posizione privilegiata. È questa lotta che affronteremo in seguito, discutendo dello stock che regola l'occupazione o del ruolo dello Stato come datore di lavoro di ultima istanza proposto dall’analisi della MMT.


Il capitale come rapporto sociale di sfruttamento finalizzato all'estrazione di plusvalore presuppone lavoratori salariati separati rispetto ai mezzi di produzione. Sappiamo anche che lo Stato moderno interviene nel processo di accumulazione originaria, attraverso la violenza originaria che consente, da un lato, l'emergere del proletario e, dall'altro, il capitalista proprietario del denaro / mezzi di produzione ma interviene anche, in un secondo momento, nella sanzione di regole e norme che impongono all'insieme dei capitalisti una limitazione della durata della giornata lavorativa, senza la quale la forza lavoro, potrebbe essere irreparabilmente esausta.


Ma questo intervento statale sulla forza lavoro va oltre, imponendosi come necessario anche a causa della “insufficienza del salario diretto a garantire la riproduzione di questa forza”. Questo perché, oltre al valore medio giornaliero della forza lavoro, è necessario sostenere il costo della riproduzione di quel lavoro vivo, ma disoccupato, disoccupazione che emerge proprio dal funzionamento e dallo sviluppo del capitalismo, con il cosiddetto esercito industriale di riserva.


Nonostante i capitalisti non siano direttamente responsabili della riproduzione delle condizioni di vita dei disoccupati, dei lavoratori malati… è noto che l'esercito industriale di riserva è funzionale all'abbassamento del salario medio e anche come mezzo per fornire il lavoro necessario nei momenti di salto o accelerazione dell'accumulazione. È quindi necessario che questa massa di lavoratori privati ​​dei loro mezzi di sussistenza, sia mantenuta, in modo tale che la forza lavoro (sotto forma di lavoro a basso costo) sia sempre disponibile e i salari non crescano continuamente. Si tratta, insomma, di garantire al tempo stesso disciplina e precarietà lavorativa.


“È qui che intervengono istituzioni non capitaliste, di natura più o meno statale, che assicurano la riproduzione della forza lavoro, nei limiti del mantenimento della precarietà fondamentale del lavoro e attraverso modalità che garantiscano la disciplina del lavoro.”


In questo modo, sono proprio le contraddizioni che definiscono il modo di produzione capitalistico che suppongono l'azione dello Stato nella gestione della forza lavoro, in questo caso fornendo forme di assistenza, previdenza e sicurezza sociale. Ma la gestione della forza lavoro non può essere svolta direttamente, secondo Brunhoff, da nessuna delle classi immediatamente interessate a ciò, cosa che porterebbe all'introduzione di "pratiche di classe", sotto shock con l'obiettivo ristretto e necessario di assistenza/prevideza. Ecco perché, anche quando i meccanismi e gli apparati per la gestione dell'assistenza, della previdenza e della sicurezza sociale sono concessi al settore privato, tali funzioni devono rimanere indirettamente legate allo Stato; poiché non possono essere trasferiti agli stessi lavoratori (più bisognosi), né sono sostenuti dai capitalisti a causa della riduzione dei loro profitti.


In questo senso, l’ELR proposto dalla MMT - o il ruolo di datore di lavoro in ultima istanza - non è altro che parte di questa gestione statale della forza lavoro, così come la previdenza e l'assistenza sociale. Tuttavia, questa politica deve affrontare vincoli che riflettono i limiti del potere statale di fronte a problemi inerenti al capitalismo.


Secondo Wray, è possibile raggiungere la piena occupazione - intesa come l'assunzione di tutti coloro che accettano i salari fissati dal governo - e creare un piano di ELR da condurre secondo obiettivi di politica economica. Questa proposta è ciò che consente a Minsky e Keynes di essere frequentemente associati alla MMT. Tutto ciò è analizzato da Kalecki, ma da diverse definizioni di valuta e diverse politiche fiscali e monetarie.

Per Minsky, è possibile (e auspicabile) creare una strategia di politica economica per la piena occupazione attraverso politiche di Employer of Last Resort  (ELR) che non portino all'inflazione o alla deflazione: “since only government can divorce the offering of employment from the profitability of hiring workers, the infinitely elastic demand for labor must be created by government”. 

Anche per Kalecki dice che: 

If the government undertakes public investment (e.g. builds schools, hospitals and highways) or subsidizes mass consumption (by Family allowances, reduction of indirect taxation or subsidies to keep down the prices of necessities), and if, moreover, this expenditure is financed by borrowing and not by taxation (….) the effective demand for goods and services may be increased up to a point where full employment is achieved.


La proposta della MMT va nella stessa direzione. L'idea qui è che il governo assuma qualsiasi lavoratore disoccupato che sia disposto a lavorare per lo stipendio stabilito. Lo stipendio viene quindi fissato in modo esogeno dal governo e attorno a quello stipendio l'ELR oscilla. Secondo Wray, da un lato, questo allarga il deficit pubblico, poiché sarà finanziato da esso e, dall'altro, può portare all'inflazione, poiché aumenterà la domanda. Al fine di evitarlo si propone che “the size of the deficit spending necessitated by ELR intervention will be ‘market determined’ by the desired net nominal saving position of the public”. In altre parole, l’ELR funziona riducendo l'"esercito industriale di riserva", come definito da Marx, che aumenta i salari. Tuttavia, l’ELR ha uno stock di lavoratori che può essere utilizzato per assumere a salari relativamente bassi. Ciò agisce, come evidenziato da Wray, al fine di contenere gli aumenti salariali - poiché i lavoratori meglio pagati vengono sostituiti da lavoratori forniti dallo stock in ELR.


Come politica economica espansiva, l'ELR funziona come previsto e suggerito da Keynes e dai post-keynesiani, poiché l'aumento della domanda e dell'occupazione entra nelle aspettative dei potenziali investitori, riduce la preferenza per la liquidità e aumenta gli investimenti, promuovendo un altro ciclo di investimenti moltiplicato per reddito e occupazione aggregati.


La portata di questo processo, tuttavia, ci riporta ai limiti imposti al denaro e allo Stato nel capitalismo. Kalecki analizza questi vincoli, elencando tre ragioni dell'opposizione dei capitalisti alle politiche di piena occupazione:


“(i) dislike of government interference in the problem of employment as such; (ii) dislike of the direction of government spending (public investment and subsidizing consumption); (iii) dislike of the social and political changes sustaining the maintenance of full employment.”


Gli argomenti di tali paure sono nostre vecchie conoscenze e, allo stesso tempo, abbastanza attuali. Per giustificare il primo, la minaccia di un deficit pubblico intacca la fiducia degli investitori, che smettono di investire. Quanto al secondo, l'idea è che anche se il governo non è inizialmente in concorrenza con il settore privato, c'è sempre il rischio che lo Stato esageri con l'ingresso in altri rami produttivi. Infine, il terzo timore è giustificato dall'idea che sia necessario “sudare per guadagnare uno stipendio”. Come sottolinea Kalecki, tutte queste giustificazioni nascondono il timore che la disoccupazione, come strumento per disciplinare e controllare i lavoratori, venga compromessa: “The social position of the boss would be undermined, and the self-assurance and class-consciousness of the working class would grow”.


Si noti che qui, come ben sapeva Marx, la disoccupazione è politicamente ed economicamente importante per mantenere la mancanza di protezione o insicurezza del lavoratore. Sulla base di questo bisogno di insicurezza, si rivela una ragione economica fondamentale, che limita la ricerca della piena occupazione nel capitalismo, e cioè: al diminuire della disoccupazione, aumentano i salari e diminuiscono i profitti, obiettivo fondamentale del sistema. Come sosteneva Marx, è questa pressione che porta alle innovazioni e alla crescita della composizione tecnica del capitale, che fanno del capitalismo un modo eccezionale di produzione in termini di progresso tecnologico. Marx ha detto in proposito: “Da un lato il capitale addizionale formato nel progredire del l’accumulazione attrae, in rapporto alla propria grandezza, sempre meno operai. Dall’altro il capitale vecchio riprodotto periodicamente in nuova composizione respinge un numero sempre maggiore di operai prima da lui occupati.”


Con o senza politiche di crescita dell'occupazione, il sistema ha il compito di escludere dalla produzione una parte significativa della popolazione attiva, tanto maggiore è l'obiettivo di profitto e il potere contrattuale dei capitalisti nel rapporto capitale-lavoro. Questo perché, come ha sottolineato anche Marx: “Vale a dire dunque che il meccanismo della produzione capitalistica fa in modo che l’aumento assoluto del capitale non sia accompagnato da un corrispondente aumento della domanda generale di lavoro.”



Bibliografia


André Orléan e Michel Aglietta

La Violence de la monnaie (1982), avec Michel Aglietta, éd. PUF, 1984.

La Monnaie entre violence et confiance, avec Michel Aglietta, éd. Odile Jacob, 2002.


Suzanne de Brunhoff

La Monnaie chez Marx, 1967

La Politique monétaire : un essai d’interprétation marxiste (avec Paul Bruini), PUF, 1973

État et Capital – Recherches sur la politique économique, 1976

Les Rapports d’argent, 1979


Kalecki

Political aspects of full employment. Political Quarterly, v. 14, n. 4, p. 322-331, 1943


Keynes

Teoria generale dell'occupazione, dell'interesse e della moneta, trad., introduzione e cronologia di Giorgio La Malfa, note a cura di G. La Malfa e Giovanni Farese, Collezione I Meridiani, Milano, Mondadori, 2019


Marx

Grundrisse. Lineamenti fondamentali della critica dell’economia politica, Pgreco, 2012

Il Capitale, UTET, 2009


Minsky

Keynes e l'instabilità del capitalismo, Bollati Boringhieri, 2009


Wray

From the State Theory of Money to Modern Money Theory: An Alternative to Economic Orthodoxy

Levy Economics Institute, Working Papers Series, 2014

Understanding Modern Money: The Key to Full Employment And Price Stability, Edward Elgar Pub, 2006

Modern Money Theory - a primer on macroeconomics for sovereign monetary systems,  Palgrave Macmillan, 2012





 

Bollettino Culturale Copyright © 2016 | Created by Tarosky | Powered by Blogger Templates