FF

domenica 9 maggio 2021

0 NOTE SU DUE LIBRI DELLA MAZZUCATO


Il libro della Mazzucato
“Il valore di tutto: chi lo produce e chi lo sottrae nell'economia globale” tratta del valore nell'economia digitale e globale di oggi. In tutto il libro, l'autrice incarna rigorosamente il sospetto più o meno generale che qualcosa non vada bene nel modo in cui il valore è considerato nelle nostre economie. Gli esempi della strana considerazione del valore sono molteplici, ma ne citiamo alcuni per iniziare: quando la spesa per riparare un disastro ecologico è considerata come produzione di valore (cioè aumenta il PIL) o quando gli attori economici che ottengono i maggiori benefici sono, tra gli altri, quelli finanziari, il cui contributo alla creazione di valore - nella crisi, nella bolla immobiliare, o quando scommettono con i loro prodotti finanziari contro il recupero di un paese in crisi, come accadde con la Grecia o la Spagna alcuni anni fa - è abbastanza inspiegabile per la maggior parte delle persone.

Il libro è stato positivamente sorprendente per me. E non tanto per il contenuto ma piuttosto per il tono, la struttura e, credo soprattutto, per la posizione da cui l'autrice enuncia il suo discorso. Mazzucato sembra farlo, in una certa misura, dal centro del sistema: è una star quasi mediatica, i suoi libri sono promossi come best seller e dirige un istituto di politica pubblica e innovazione presso una prestigiosa università londinese, di cui si può citare come dettaglio illustrativo 26 premi Nobel tra ex studenti e professori. In particolare, il tono del suo discorso non è affatto accademico o poco specializzato. Anzi, il libro si legge in un paio di pomeriggi, e semmai è arrivato a sembrare quasi superficiale; sebbene l'apparato di appunti e la bibliografia occupino quasi 100 pagine, circa un quarto del libro. Tutte le differenze a parte, la posizione da cui Mazzucato fa il suo discorso potrebbe quasi essere paragonata a quella di J.M. Keynes.

Sto cercando di arrivare al punto. Riassumo l'argomento come segue. Il modo in cui l'attuale economia stima il valore è altamente disfunzionale, avvantaggiando alcuni in modo straordinariamente sproporzionato - quei settori o attori la cui attività è considerata più preziosa - e danneggiando il resto. Tra i beneficiari ci sarebbero la finanza e alcune "industrie" che hanno un rapporto importante con l'innovazione tecnologica, tra le altre, "Silicon Valley" e farmaceutica. Tra i “perdenti”, Mazzucato studia in particolare il contributo del settore pubblico alla creazione di valore e come questo sia significativamente sottovalutato o direttamente ignorato. La percezione dominante del valore è così distorta che, a volte, sostiene l'autrice, la creazione di valore è considerata ciò che a suo avviso è estrazione o distruzione di valore. Gli esempi sono noti: le tipiche operazioni di Private Equity (acquisizione di società) o simili in cui un gruppo di investitori prende il potere in un'azienda, smantellandola, vendendo le parti che funzionano meglio, licenziando dipendenti, decapitalizzandola, caricandola di debiti, per finalmente venderla o dichiararla definitivamente non redditizia, non prima di aver ottenuto numerosi aiuti pubblici e agevolazioni fiscali e di aver ricavato enormi profitti. Mazzucato cita esempi del Regno Unito, ma sicuramente conosciamo alcuni casi più vicini a noi.


Di fronte a questa situazione, l'autrice si propone, prima di tutto, di ricostruire la percezione accademica e sociale del valore, e poi di stabilire nuove politiche pubbliche per trasformare l'economia attorno a questa nuova idea di valore, per costruire mercati che favoriscano questa nuova idea di valore, che riconosce e stimola la produzione di valore dal settore pubblico (istruzione, politiche tecno-scientifiche, infrastrutture, sanità, assistenza, transizione verde ...), che stimola investimenti a lungo termine, che ridistribuisce in un modo più equo il valore dell'innovazione e delle piattaforme tecnologiche.


Sebbene l'autrice affermi chiaramente che l'obiettivo del libro è limitato a sollevare la necessità di una discussione collettiva per ridefinire il valore in economia, sviluppa molto bene alcune delle basi per questa discussione. 



Dopo l'introduzione, ci sono due capitoli in cui viene sinteticamente esposta la storia della teoria del valore, che si divide in due fasi; la prima sarebbe quella degli economisti classici, tra cui Marx, la seconda quella dei neoclassici, i teorici del marginalismo - la scuola economica che nacque alla fine del XIX secolo ma che continua ancora oggi a rappresentare l'ortodossia egemonica, tanto nelle università quanto nelle pratiche politiche.


Nella prima fase, dove ha presentato le idee di Quesnay, Smith, Ricardo e Marx, la teoria del valore era importante. Il dibattito moderno inizia, dice l'autrice, quando le nazioni (la Francia in primo luogo) cercano per la prima volta di capire come la vita e la società si riproducono nel paese attraverso la proprie attività. Quesnay e la sua scuola, i Fisiocratici, identificarono nell'agricoltura la possibilità di questa riproduzione: i contadini erano per i Fisiocratici coloro che producevano il cibo necessario per la società nel suo insieme, così come le eccedenze da cui gli altri gruppi sociali - proprietari e artigiani - sviluppato le proprie attività. Curiosamente, come spiega Mazzucato, Quesnay non considerava gli artigiani come un gruppo produttivo, ma li considerava solo trasformatori delle eccedenze prodotte dai contadini.


Con questo caso Mazzucato introduce il concetto di confine di produzione - o frontiera produttiva, che definirebbe le attività che ciascuna società e / o teoria considera produttive e quelle che non lo sono. L'evoluzione nel tempo di questo confine di produzione è un argomento centrale del libro. Ogni epoca la definisce diversamente a seconda della sua organizzazione economica e della sua percezione (delle sue classi dirigenti, dovremmo aggiungere), con la quale l'autrice ci invita a dedurre che oggi sarebbe fattibile, oltre che necessario, ridefinire quali sono le attività produttive. Questo approccio a diverse realtà economiche come costruzioni sociali mi fa mettere in relazione Mazzucato con la cosiddetta scuola istituzionalista (Veblen, Galbraith), che però non viene mai menzionata.


Tornando allo sviluppo del libro, Smith includerà l'industria nella categoria del produttivo e Marx introdurrà i servizi e in una certa misura ciò che l'autrice chiama la sfera della circolazione che includerebbe i commercianti e la finanza.


La chiave comune alla teoria del valore in tutti gli autori classici, è considerare che il valore di un prodotto o di una merce è derivato dai suoi costi di produzione, e tra questi, dal lavoro investito per produrlo. L'enfasi su quest'ultimo aspetto è ciò che dà il nome alla teoria del valore-lavoro, assunta da Ricardo, e sviluppata con le sue sfumature da Marx.


Un ultimo aspetto da evidenziare nel pensiero dei classici è quello della rendita, che Mazzucato utilizzerà anche come un altro degli argomenti, o forse delle categorie, centrali della propria analisi. La rendita preoccupava i classici - Smith, Ricardo, Marx - perché era la forma caratteristica del profitto per le classi dirigenti dell'epoca, proprio sotto forma di rendita della terra (rendita agricola). Mazzucato afferma in un paio di occasioni che quando Smith parlava di un'economia di libero mercato, si riferiva principalmente a un'economia senza rendita! Nella sua influente analisi della rendita, Ricardo la mette in relazione con un beneficio derivato da una situazione di monopolio: essendo un bene scarso e necessario, i proprietari sono in grado di ricavare un profitto senza partecipare attivamente al processo di produzione. Sia Mazzucato che altri autori sottolineano questo tipo di situazione come una caratteristica dell'economia attuale: colpisce la loro analisi dal punto di vista della rendita e del monopolio dell'attività delle grandi aziende tecnologiche.


La seconda fase della teoria del valore sarebbe, come ho detto, quella dell'economia neoclassica. Più che l’esistenza di una teoria del valore, spiega l'autrice, questo dibattito scompare, e ciò che lo sostituisce è una teoria del prezzo, la ben nota storia della domanda e dell'offerta, per gli specialisti, si tratta della questione del valore marginale, utilità marginale... Come viene spesso fatto notare, l'economia politica cessa di essere chiamata in questo modo, diventando semplicemente economia, concentrando la sua attenzione su piccole differenze (il margine), che definirebbero l'ambito di quella che di solito viene chiamata microeconomia. Il valore di una merce da questa prospettiva sarà quello che si ottiene sul mercato, indipendentemente dal lavoro o dai costi che sono stati investiti nella sua produzione: alta moda, elettronica di fascia alta tipo Apple, medicinali per il trattamento dell'epatite C o il prezzo di un loft a Manhattan rappresenterebbero in qualche modo questa idea di valore. Mazzucato dice che il valore passa dall'essere oggettivo all'essere soggettivo. In sostanza, se qualcosa ottiene un prezzo sul mercato, cioè viene venduta, trova un acquirente, anche se si tratta di uno strumento finanziario che scommette sull'aumento del premio per il rischio di un paese in crisi, l'economia neoclassica ritiene che crei valore - sebbene sia difficile per la maggior parte di noi spiegare quale possa essere il valore creato e che ai comuni mortali non economisti possa sembrare una sciocchezza.


Il prossimo capitolo è stato il più interessante per me in questa prima lettura. Si dedica allo studio di come è stata misurata la ricchezza delle nazioni, più precisamente, attraverso il calcolo del cosiddetto Prodotto Interno Lordo. E come questa misura si sia trasformata nel tempo, incorporando interessanti cambiamenti, da quando ha iniziato ad essere utilizzata con standard internazionali condivisi dopo la Seconda guerra mondiale. Lo SNA, System of National Accounts, è stato istituito dall'ONU nel 1953 come quadro di standard per misurare il valore aggiunto generato nella produzione, consentendo di omogeneizzare e confrontare le economie nazionali dei diversi paesi. Il PIL, come sappiamo, è il principale strumento utilizzato per cercare di valutare l'andamento dell'economia di un Paese: se il PIL cresce, di una percentuale intorno al 3% o più, si considera che il Paese stia andando bene; se ci sono percentuali inferiori a questo dato e queste sono distribuite nel tempo, il Paese è considerato in recessione o quando diventa più grave, in crisi. La cosa interessante, dice Mazzucato, non è solo che è uno strumento di misura, ma è anche uno strumento per la progettazione di politiche pubbliche economiche e fiscali. Poiché queste cercano di promuovere la crescita, è essenziale quali attività il PIL considera essere utili alla crescita e come vengono calcolate. O in altro modo, quelle attività che sono considerate creatrici di valore sono incluse nel calcolo del PIL e quindi supportate e promosse, mentre quelle che non sono considerate come tali non lo sono; e quindi non vengono prese in considerazione nelle politiche pubbliche e sono invisibili: a questo estremo, troviamo il caso del lavoro domestico.


L'effetto di cambiamenti come questo, secondo Mazzucato, è che il settore finanziario, formalmente, passa da essere considerato un settore intermediario a essere percepito come uno dei motori produttivi, acquisendo una nuova posizione nel sistema economico che gli consente di rivendicare politiche pubbliche o fiscali che lo favoriscono perché avvantaggiano la prosperità generale (teorica) rappresentata dal PIL; politiche che logicamente sottraggono risorse e sforzi ad altri settori produttivi, e ancor di più, a quelli che non sono nemmeno inclusi nel PIL, perché non sono considerati produttivi, come la cura e la riproduzione sociale più in generale. Per Mazzucato, il paradosso sarebbe che stiamo contando nel PIL come attività produttive e sostenendole di conseguenza, attività che effettivamente estraggono valore invece di crearlo, o addirittura lo distruggono. 


Fatta questa introduzione teorica, la parte centrale del libro è dedicata all'analisi di due settori economici che per Mazzucato sarebbero attualmente estrattori e distruttori di valore, e che, tuttavia, sono stati considerati i principali esempi di produzione di valore. Questi sarebbero il settore finanziario e il settore tecnologico (in particolare quello delle grandi aziende dell'economia digitale e dei prodotti farmaceutici).


L'idea di rendita, l'estrazione di valore senza lavoro produttivo (senza essere un "creatore di valore" nel gergo di Mazzucato), ma per una posizione di monopolio è centrale in questa parte. Nel capitolo intitolato “Estrarre valore attraverso l'economia dell'innovazione”, l'autrice viene letta con maggiore fluidità; - si vede che è il suo tema principale, che ha sviluppato nel suo libro precedente “Lo Stato innovatore”. Sebbene la maggior parte degli argomenti siano noti grazie ai pensatori del General Intellect, del capitalismo cognitivo e dei commons, sono ben presentati per un pubblico "non militante". Sottolinea quello che penso sia stato il suo principale contributo: che l'innovazione dei mitici geni scientifici e finanziari della Silicon Valley e dell'industria farmaceutica è in gran parte debitrice alla ricerca di base pesantemente finanziata dallo Stato, che è l'attore che si è assunto i principali rischi del processo. E che quindi, buona parte della narrativa dell'imprenditoria visionaria e avventurosa ha una dimensione molto distorta e mistificante. Anche in questo caso, come nel caso della finanza, Mazzucato attribuisce grande importanza ai discorsi e ai racconti, sia accademici che tradizionali, poiché questi servono come base e giustificazione per l'istituzione di politiche pubbliche e fiscali, che non corrisponderebbero il reale e reciproco contributo. Gli eroi imprenditoriali, i grandi creatori di valore, dice Mazzucato, non lo sarebbero se non fossero stati sulle spalle di colossi come i finanziamenti pubblici per la ricerca, l'istruzione, le infrastrutture o la società nel suo insieme.


Avvicinandosi alla fine, il contenuto cambia segno e troviamo il capitolo intitolato “La sottovalutazione del settore pubblico”, che rimanda anche direttamente al libro precedente. Penso che Mazzucato dimostri che l'intera narrativa o mitologia sul settore pubblico come inefficiente, improduttivo e dispendioso sia significativamente di parte ed è stato usato per giustificare la perdita di peso degli stati, le privatizzazioni... Secondo Mazzucato, questa mitologia dà anche luogo a una sfiducia da parte dei politici e degli stessi lavoratori pubblici nella propria attività e capacità. Di fronte a ciò, l'autrice presenta alcuni casi che spiegano come il settore pubblico crei valore in modo eccezionale, anche se questo è sempre sottovalutato: dall'istruzione alle infrastrutture e presenta alcuni casi che dimostrano come il settore pubblico abbia avuto un ruolo di leadership nella creazione di valore e la direzione dello sviluppo nelle nostre società: dal New Deal e il WPA nel periodo tra le due guerre negli Stati Uniti, alla creazione del sistema sanitario universale nel Regno Unito (negli anni '50), all'organizzazione dal missione lunare negli Stati Uniti, allo sviluppo di tutta la ricerca che porterà alle rivoluzioni digitali - dai transistor, a Internet, passando per il GPS o la telefonia mobile …


La conclusione di Mazzucato è che dobbiamo ridefinire il valore nelle nostre economie, che questa ridefinizione deve essere basata su un'idea di valore correlata a ciò che migliora la vita sociale e non solo a beneficio economico di alcuni. Sulla base di questa ridefinizione collettiva del valore, dobbiamo progettare nuove politiche pubbliche, trasformare i mercati come costruzioni sociali (Polanyi) e promuovere progetti socio-economici necessari, se non urgenti, come la transizione energetica-ambientale e tutti quelli che contribuiscono alla sostenibilità della vita (credo che Mazzucato non lo affermi così, ma si riferisca piuttosto a un'economia della cura). E tutto questo è possibile.


Come prima valutazione rapida e personale, direi che il libro solleva domande e linee di lavoro molto tempestive che mi sembrano di enorme interesse.


Come critica: che questo dibattito sul valore è solo delineato, e che è affermato in un modo che mi sorprende: da un lato, si collega direttamente con l'intuizione; dall'altro, invece, lo trovo ancora poco articolato concettualmente, muovendosi un po' diffusamente tra l'economia e la vita, tra un apparato tecnico e la nostra percezione non tecnica, filosofica o esistenziale, in un modo che non so se è una virtù o un difetto.


La sua definizione di valore: “Con “creazione di valore” intendo i modi in cui tipologie diverse di risorse (umane, fisiche e intangibili) vengono impiegate e interagiscono per produrre nuove merci e servizi. Con “estrazione di valore” intendo le attività che si concentrano sul trasferimento di risorse e prodotti esistenti, e su come guadagnare in maniera sproporzionata dalla loro commercializzazione. (...) Nel libro uso le parole “ricchezza” e “valore” quasi in maniera intercambiabile. (...) . Uso “valore” per designare il “processo” attraverso il quale la ricchezza viene creata: si tratta di un flusso. Tale flusso produce inevitabilmente oggetti reali, siano essi tangibili (una pagnotta) o intangibili (nuove conoscenze). La “ricchezza” designa invece uno stock cumulativo del valore già creato.”


Se confrontiamo quanto sopra, ad esempio, con la definizione di valore e capitale di Marx nel sistema capitalistico di produzione e accumulazione, la trovo estremamente generale e forse persino ingenua. Sarebbe, tuttavia, quella che di solito è chiamata una "definizione inclusiva", la quale non cerca tanto di determinare un limite il più preciso possibile al definito, ma piuttosto il contrario, di stabilire uno spazio concettuale in cui possano inserirsi e mettere in relazione molte cose diverse. Quindi, penso che potrebbe essere considerato un buon primo passo per iniziare a definire qualcosa di nuovo.


Infine, per il momento, occorre evidenziare qualcosa che Mazzucato non dice esplicitamente. L'autrice affronta la domanda riferendosi alla dimensione performativa dei discorsi: ciò che diciamo produce la realtà. Tuttavia, l'argomento ci invita anche a collocare la questione del valore, sempre a mio avviso, nel quadro dei rapporti che Foucault ha definito conoscenza / potere. Si potrebbe affermare, e penso che Marx sarebbe d'accordo, che anche se ci sono dei dati oggettivi, in definitiva il valore è principalmente il risultato di un rapporto di potere: quanto del valore in un processo di produzione appartiene ai lavoratori, quale agli organizzatori del processo, quale ai diversi agenti del capitale? O perché prestare denaro per un'operazione considerata economicamente preziosa e prendersi cura di un familiare non lo è? Ma ciò che Mazzucato sottolinea è che questi rapporti di potere sono giustificati e supportati anche da discorsi teorici e mediatici, contribuendo alla costruzione di egemonia nel campo del pensiero e della spiegazione del mondo e, infine, a produzioni di soggettività che diventano senso comune, atteggiamenti e modi di vita. E che è in questo spazio tra fatti concreti e discorsi, interpretazioni e percezioni in cui si verificano le cose che ci interessano e in cui avvengono anche i cambiamenti.



Commenti su “Lo Stato innovatore”


Il libro, uno dei più discussi nell’ultimo decennio in campo economico, merita tutte le attenzioni ricevute per il suo contenuto. La tesi di Mazzucato è pionieristica, coraggiosa, ma allo stesso tempo coerente e documentata, il che ne rende imprescindibile la lettura. In effetti, Mazzucato fornisce idee eccezionali per armare ideologicamente la sinistra così orfana di approcci di politica economica, visto che le sue proposte sono finite per essere diluite nel liberalismo thatcherista. L'evoluzione dei partiti socialdemocratici li ha portati a prescrivere lo stesso menù di misure liberalizzanti, tanto crudeli quanto inutili, con l'unica differenza di farlo in forme addolcite.

Mazzucato ci insegna che le cose sono radicalmente diverse e stabilisce le linee guida per l'azione del governo. Il punto di forza del suo approccio è quello di ribaltare l'argomento convenzionale superando la visione progressista secondo cui lo Stato dovrebbe essere un supporto per l'iniziativa privata. Nell’idea dello Stato imprenditore, il settore pubblico diventa l'elemento essenziale che dà energia all'economia ed è la vera fonte di innovazione tecnologica.

Mazzucato rompe la maggior parte degli stereotipi sulla genesi dell'innovazione e della tecnologia nel suo libro. In particolare, elimina l'idea che l'iniziativa privata sia il generatore di innovazione e lo Stato sia una pesante macchina burocratica che ostacola lo sviluppo economico. La letteratura economica, compresa quella progressista, sollecita lo Stato a ritirarsi per favorire lo sviluppo dell'iniziativa privata. Secondo il pensiero convenzionale, l'iniziativa privata è in grado di raggiungere un maggiore sviluppo e di conseguenza una maggiore prosperità per tutti e la sua capacità di raggiungere questo obiettivo sarà tanto maggiore quanto più libera da restrizioni, regolamenti e tasse. L'unica funzione dello Stato, secondo questo racconto, è quella di porre le basi affinché l'iniziativa privata possa sviluppare la propria attività ed intervenire, esclusivamente, in situazioni in cui ci sono fallimenti del mercato che ostacolano l'innovazione da parte delle imprese.

Di fronte a questo quadro, la conclusione del libro è chiara: lo Stato, lungi dall'essere un freno all'innovazione, è il suo motore principale. Contrariamente a quanto più volte pubblicizzato, lo Stato è l'agente che si assume i rischi e quello che ha diretto lo sviluppo delle principali tecnologie. I paesi che hanno sviluppato un settore pubblico che ha assunto il ruolo di leadership sono riusciti a creare le tecnologie che hanno rivoluzionato il mondo di oggi. Paradossalmente, gli Stati Uniti, che sono i paladini del liberalismo, sono il principale esempio di un paese con un settore pubblico che è stato il vero imprenditore, innovativo e coraggioso, e ha sviluppato alcune delle principali tecnologie che usiamo quotidianamente, nello specifico quelle dell'informazione.

La condizione per la creazione di tecnologie innovative passa per uno Stato che assume un ruolo attivo poiché l'iniziativa privata non le sviluppa. Il capitale di rischio non si assume davvero dei rischi. Le società di capitali di rischio si limitano a entrare nelle industrie quando hanno superato le fasi peggiori, le famose valli della morte, e questo è possibile solo con il sostegno determinante e la leadership dello Stato. Anche i famosi innovatori dei garage sono descritti come un semplice cliché inventato proprio per giustificare il ruolo del settore privato nel processo d’innovazione. L'ideologia del valore per gli azionisti ha ampliato l'idea che si assumessero il rischio non avendo un profitto garantito, assumendo che il resto degli agenti che hanno partecipato al processo innovativo, contribuenti e lavoratori, lo avessero garantito. Paradossalmente, il protagonista dell'innovazione e dello sviluppo delle industrie più produttive è stato espulso dalla visione diffusa della sua mancanza di successo nelle decisioni e negli investimenti.

Per illustrare la sua visione, Mazzucato dedica la maggior parte del suo libro a descrivere l'origine e lo sviluppo dei settori più dinamici di oggi: l'informatica, l'industria farmaceutica e le energie rinnovabili. Tutti hanno in comune il ruolo fondamentale che lo Stato ha svolto nel loro sviluppo. Mazzucato studia il caso di Apple, e nello specifico, l'iPhone e come tutte le tecnologie che utilizza sono state sviluppate da varie agenzie governative nordamericane. Non si tratta di negare il successo di Apple nel metterle insieme e vendere un prodotto che ha rivoluzionato il mondo con il suo design. Il libro non cerca di negare il suo successo come azienda, ma di dimostrare che questo prodotto non sarebbe stato realizzato senza gli sviluppi tecnologici nati dall'iniziativa pubblica. Il settore pubblico è quello che ha scommesso, in modo rivoluzionario, sulle iniziative che hanno generato i touch screen o l'applicazione Siri. L’esempio non riguarda solo Apple, aziende come Google e il suo famoso algoritmo sono stati originariamente sviluppati dal settore pubblico che ne hanno permesso il decollo.

Allo stesso modo, viene analizzata l'industria farmaceutica in cui il settore pubblico è l'unico agente che sviluppa principi attivi innovativi. L'industria si concentra sullo sviluppo di varianti dei farmaci più popolari. L'esperienza di questo settore permette a Mazzucato di spiegare che i processi tecnologici non sono lineari, e non possono essere spiegati unicamente dall'investimento in R&S. Il comportamento dell'industria farmaceutica è un chiaro esempio del perché non è così. Quella che di solito viene contabilizzata come spesa in ricerca e sviluppo corrisponde, per la maggior parte, a variazioni commerciabili dei prodotti esistenti e include quasi tutte le spese di marketing e commercializzazione. Processi tecnologici di successo si generano in reti complesse, reti in cui compaiono più protagonisti, generalmente caratterizzati dall'essere guidati dal settore pubblico, soprattutto nelle fasi iniziali che non sono mai intraprese per iniziativa privata. L'innovazione avviene come parte di un processo globale, non come processo individuale o addirittura organizzativo, e richiede la costruzione di ecosistemi collaborativi. Il tipo di governo societario porta le aziende a investire in modo sproporzionato in sviluppi con rendimenti rapidi, del tutto incompatibili con lo sviluppo lento di tecnologie innovative. Al contrario, le agenzie governative più audaci sono quelle che sostengono e sviluppano scommesse veramente innovative e sono in grado, ad esempio, di mettere in funzione società che non avrebbero avuto abbastanza domanda per sviluppare i loro prodotti se non fossero state create dalla mano pubblica o senza la creazione di mercati altrimenti inesistenti senza l'iniziativa statale.

“Lo Stato innovatore” guarda anche alla rivoluzione dell'energia verde, eolica e solare e ai motivi per cui ha fallito in alcuni paesi e ha avuto successo in altri, in particolare Germania e Cina. Mazzucato usa la Spagna come esempio degli scarsi risultati generati dalla irregolare politica di start-stop che non ha saputo consolidare la propria industria. Questa situazione si è verificata anche negli Stati Uniti che ha ritirato i sussidi all'industria eolica e tagliato il budget di ricerca e sviluppo, generando una stagnazione nel settore che è emigrato in Europa, soprattutto in Germania. Germania e Cina hanno scelto di impegnarsi con determinazione, a breve e lungo termine, nel settore dell'energia solare ed eolica e sono attualmente i leader tecnologici indiscussi. Nello specifico, nel caso della Cina, la sua banca d'investimento ha pompato finanziariamente le aziende del settore, il che ha portato in pochi anni a una vera rivoluzione tecnologica.

Il libro si chiude con una riflessione sulla distribuzione del reddito generato dall'innovazione e come questa sia totalmente sbilanciata a favore delle aziende. La situazione è causata dallo squilibrio che esiste tra rischio e beneficio nell'innovazione. Il rischio è stato assunto collettivamente mentre i benefici sono stati distribuiti molto meno collettivamente. Le caratteristiche del processo innovativo, in cui prevale la vera incertezza, i costi irrecuperabili inevitabili e l'elevata intensità di capitale fanno fuggire il settore privato da questo tipo di attività. Il settore innovativo si è comportato in modo simile al settore finanziario, socializzando i rischi e privatizzando i profitti. Ciò ha consentito ad aziende come Apple di catturare una percentuale eccessivamente ampia del valore aggiunto dalla tecnologia che stanno sfruttando. Il settore pubblico non riceve molti dei frutti che ha prodotto né direttamente né attraverso il sistema fiscale, progettato per il capitalismo industriale e incapace di tassare le imprese del nuovo sistema produttivo. La mancanza di sostenibilità di un sistema di innovazione che si basa sul governo non gli consente di ricevere un adeguato sistema di ricompensa. La ridotta capacità dello Stato di riscuotere le tasse e di ricevere una quota adeguata dei benefici che fornisce ostacola la sua capacità di assumersi rischi aggiuntivi.


La sostenibilità del sistema di innovazione richiede lo sviluppo di meccanismi che consentano la redditività del rischio assunto dallo Stato e che le aziende che stanno beneficiando in modo sproporzionato degli sviluppi tecnologici prodotti dal settore pubblico restituiscano una parte ragionevole del reddito che stanno ottenendo. Ciò implica un cambiamento radicale nelle politiche di innovazione che non possono continuare a essere basate su agevolazioni fiscali per la R&S. Decenni di investimenti governativi per creare le basi scientifiche che hanno promosso lo sviluppo delle TIC non hanno generato una crescita "equa". È necessario progettare modi per distribuire gli enormi profitti che questo settore sta generando. Progettare le istituzioni in modo che tutti gli agenti che si assumono il rischio del processo innovativo ricevano una parte equilibrata del profitto generato e invertano un sistema che attualmente genera disuguaglianza. Un primo passo dovrebbe essere quello di aumentare la trasparenza degli investimenti governativi, ad esempio, promuovendo la partecipazione privilegiata ai brevetti generati. I prestiti o gli aiuti all'innovazione dovrebbero essere rimborsati, in una certa misura. Mazzucato auspica l'utilizzo di un regime simile al prestito studentesco in cui viene rimborsato una volta che l'azienda ha raggiunto una soglia di reddito minimo. Il governo dovrebbe mantenere la proprietà delle società che sostiene. Le banche di investimento non dovrebbero limitarsi a finanziare investimenti che il settore privato non finanzia a causa della sua avversione al rischio, ma piuttosto creare opportunità per i produttori. Ad esempio, la banca d’investimento cinese ha finanziato il più grande progetto di energia eolica in Argentina con 3 miliardi di dollari, che utilizza turbine cinesi. Infine, è necessario garantire che innoviamo nelle cose di cui abbiamo bisogno. 


 

Bollettino Culturale Copyright © 2016 | Created by Tarosky | Powered by Blogger Templates