FF

sabato 10 luglio 2021

0 L'ORIGINALITÀ DELLA TEORIA DEL CROLLO DI HENRYK GROSSMAN

 



La “ripresa del marxismo” operata da Henryk Grossman è stata allo stesso tempo il recupero dell'idea che il capitalismo avrebbe trovato la sua fine attraverso le sue leggi economiche immanenti e che l'azione rivoluzionaria della classe operaia dovesse basarsi sulla comprensione di queste leggi. Fu quindi allo stesso tempo un recupero del materialismo storico e dell'importanza dell'economia politica. Grossman parte dal problema lasciato da Rosa Luxemburg: fino a che punto era realmente possibile l'accumulazione prevista negli schemi produttivi? Rifiuta la soluzione della Luxemburg ma accetta le implicazioni del problema: affermare la possibilità che il capitalismo si espanda proporzionalmente, secondo schemi di riproduzione, significa accettare la possibilità dell'eterna espansione del capitalismo e privare il socialismo del suo fondamento “oggettivo”.

Imperterriti da questa accusa, i critici hanno ripetutamente presentato contro la Luxemburg la coerenza degli schemi di riproduzione e hanno affermato che il supposto "problema" dell'accumulazione non esisteva. Critica il cui massimo sviluppo è stato il modello di accumulazione di Otto Bauer. Se questa fosse la fine della questione, il trionfo teorico degli schemi di Tugan-Baranowsky, Hilferding, Pannekoek e Bauer sul sottoconsumismo rappresenterebbero il fallimento della teoria del crollo. Ma in “The Law of Accumulation and Breakdown of the Capitalist System”, Grossman usa proprio il modello di Bauer per illustrare la sua teoria e confutare la conclusione che abbandonare il sottoconsumismo significherebbe accettare la possibilità di un'espansione illimitata del capitalismo. Grossman intende dimostrare che anche sotto le ipotesi assunte da Bauer, l'accumulazione capitalistica trova limiti che non sono legati alla mancanza di mercati di consumo, come pensava la Luxemburg, ma all'insufficiente generazione di plusvalore.

Grossman inizia la sua presentazione con una nota metodologica. Secondo l'autore, lo stato di confusione prevalente nella letteratura marxista dell'epoca era dovuto al fatto che i marxisti avevano completamente ignorato il metodo con cui era stata costruita la teoria di Marx e quindi il modo in cui era arrivato ai suoi risultati. Piuttosto, la letteratura economica marxista si era concentrata quasi esclusivamente sui risultati. In questo modo ci si era ridotti a dibattere su questioni interpretative, come se il marxismo “has become purely a matter of interpretation.”

Quindi, sia i critici che i sostenitori hanno interpretato le conclusioni di Marx a modo loro e le hanno giudicate sulla base di ciò che hanno visto nella realtà. Grossman si riferisce, ovviamente, al dibattito revisionista avviato da Bernstein e portato avanti da Kautsky, Cunow, Boudin, Tugan-Baranowsky... ma fa anche riferimento a innumerevoli “critici borghesi” come Sombart, Spiethoff, Sorel, Masaryk, Schumpeter e Michels. La maggior parte di questi dà semplicemente per scontato che la tesi dell'impoverimento del proletariato sia una generalizzazione fatta da Marx delle condizioni del suo tempo e in nessun caso gli autori fanno alcuna analisi di come la teoria dell'impoverimento fosse stata costruita teoricamente da Marx e ancor meno del movimento dell’accumulazione. Di conseguenza, le basi della teoria del crollo sarebbero semplicemente sbagliate, contraddette dalla realtà, o sarebbero sparite insieme ai cambiamenti nel modo di produzione capitalista.

Grossman cerca di contrastare questa conclusione presentando la coerenza di una teoria del crollo di cui Marx avrebbe specificato tutti gli elementi per la sua descrizione. Una tale teoria non sarebbe un'estrapolazione delle impressioni empiriche di Marx dell'epoca. Si tratterebbe piuttosto di una rigida deduzione dal suo sistema teorico, conseguenza della legge del valore e del processo di accumulazione analizzati da Marx. La base metodologica di questa costruzione sarebbe l'analisi dell'accumulazione nel suo aspetto puro, cioè in uno stato di equilibrio e di astrazione dalla concorrenza le cui fluttuazioni si eliminano reciprocamente. Solo in questo modo sarebbe possibile studiare le tendenze fondamentali dell'accumulazione e, successivamente, spiegare le deviazioni periodiche dalla tendenza generale, dai cicli e dalle crisi.

In questo senso, il lungo dibattito sugli schemi di riproduzione di Marx aveva dimostrato un profondo equivoco metodologico. Perché, come ha notato Rosdolsky, la controversia sugli schemi di riproduzione presentava lo "strano paradosso" che, sebbene i partecipanti al dibattito riconoscessero l'alto livello di astrazione degli schemi, speravano ancora che avrebbero dimostrato la concreta possibilità di un’espansione capitalista equilibrata. Il modello di Bauer era proprio un tentativo di avvicinare gli schemi alla realtà concreta, sovrapponendo in qualche modo due livelli di analisi.

Consapevole di ciò, Grossman sviluppa il modello di Bauer per dimostrare cosa accade all'accumulazione equilibrata non appena vengono incorporate le determinanti essenziali del processo di accumulazione analizzate da Marx nei libri I e III del Capitale. Il modello di Bauer aveva il vantaggio principale di incorporare il progresso tecnico, una caratteristica fondamentale dell'accumulazione secondo Marx. L'esempio di Bauer mancava quindi dei “difetti” che Rosa Luxemburg aveva imputato agli schemi di Marx, accusandoli di essere mere manipolazioni matematiche. Per Bauer, esprimere il progresso tecnologico attraverso l'aumento della composizione organica presuppone regole chiare per la progressione dell'accumulazione e del consumo, presuppone un consumo capitalistico crescente (pur decrescente rispetto all'accumulazione) e conserva la simmetria tra i dipartimenti I e II, mentre nell'esempio di Marx l'accumulazione del dipartimento II procederebbe arbitrariamente secondo la Luxemburg.

Ricordiamo che il modello di Bauer è andato avanti indisturbato per quattro anni consecutivi, con una composizione organica crescente e un saggio di profitto decrescente, ma realizzando pienamente il plusvalore all'interno del capitalismo. L'unica condizione era che l'accumulazione crescesse abbastanza velocemente da permettere al capitale variabile di crescere allo stesso ritmo della popolazione. Le crisi sarebbero possibili solo se emergessero sproporzioni temporanee tra il saggio di accumulazione e la crescita della popolazione, ma sarebbero presto superate dalla “[...] tendenza ad adattare l'accumulazione di capitale alla crescita della popolazione”. Ma cosa succede al modello se viene ampliato oltre i quattro anni analizzati da Bauer?

Proseguendo l'esercizio, Grossman dimostra che, seguendo l'esempio di Bauer per periodi successivi fino al trentaseiesimo anno, e fermo restando tutte le condizioni presupposte, il modello deve necessariamente rompersi, cioè non sarà più possibile mantenere le ipotesi poste all’inizio. L'accumulazione non può procedere oltre il trentacinquesimo anno ai tassi postulati da Bauer (e necessari per mantenere il livello di occupazione). Perché? Perché la crescita della composizione organica, dovuta al progresso tecnico, porta ad una progressiva caduta del saggio di profitto, come indicato da Marx. Un saggio di profitto decrescente significa che per un dato capitale anticipato l'ammontare del plusvalore ottenuto è minore. Questo effetto è compensato dal fatto che il capitale accumulato cresce, ottenendo una maggiore massa di plusvalore. Tuttavia, poiché l'accumulazione cresce a un ritmo più rapido del plusvalore, prima o poi la quantità di plusvalore disponibile non è sufficiente a mantenere l'accumulazione al ritmo richiesto. Questo processo che Grossman chiama “valutazione imperfetta” corrisponde a una fase di sovraccumulazione di capitale.

Questo approccio deriva direttamente dalla teoria del valore di Marx. Infatti, se il lavoro è l'unica fonte di valore, e quindi solo la parte variabile del capitale è responsabile della valorizzazione, è facile vedere che, con un dato saggio del plusvalore, se il capitale variabile cresce ad un tasso inferiore al capitale costante, ad un certo punto il nuovo valore creato sarà insufficiente a sostenere l'espansione del capitale. È chiaro allora che il saggio di profitto incide sulla massa del profitto, contrariamente al punto di vista di Kautsky e Luxemburg, e che non è necessario alcun calcolo per rendersi conto che il sistema di Bauer non potrebbe essere mantenuto indefinitamente, poiché presuppone un saggio di accumulazione del 10% per capitale e solo il 5% per il capitale variabile, oltre a mantenere un saggio del plusvalore invariabile del 100%.

Ma i calcoli di Grossman consentono un'illustrazione più completa di come potrebbe essere la "teoria del crollo" di Marx. Nell'ampliamento del modello, l'insufficiente valorizzazione si esprime nel fatto che l'importo accumulato cresce continuamente in proporzione al plusvalore fino a raggiungere il 99,55% nel trentacinquesimo anno, cosicché nell'anno successivo il capitale accumulato supererebbe l'eccedenza del valore generato, se ha mantenuto lo stesso tasso di crescita. Ciò significa, naturalmente, che il plusvalore nel trentacinquesimo anno è insufficiente per mantenere il saggio di accumulazione. Grossman nota che questa proporzione crescente di accumulazione comincia a comprimere la quota di plusvalore destinata al consumo capitalista: questo consumo raggiunge il picco nel ventesimo anno e diminuisce costantemente fino a scomparire nel trentacinquesimo anno. Da quel momento in poi, i capitalisti non avrebbero più alcun incentivo a mantenere l'accumulazione e l'espansione del capitale, sarebbe "insensato". Grossman considera il consumo capitalista come la ragione dell'accumulazione, altrimenti il ​​plusvalore non potrebbe essere considerato come reddito non pagato ai lavoratori e appropriato dai capitalisti.


In ogni caso, nonostante questa discussione “luxemburghista” sulla motivazione capitalista, il sistema non ha condizioni oggettive per continuare l'accumulazione: il plusvalore generato è insufficiente per mantenere il saggio di accumulazione, anche se i capitalisti non consumano nulla.

Le conseguenze devastanti della sovraccumulazione diventano visibili. Una valorizzazione insufficiente non consente all'accumulazione di crescere ulteriormente al tasso richiesto e il capitale variabile non può più crescere al tasso di crescita della popolazione (5% annuo nel modello). Viene formato quello che Marx chiamava l’esercito industriale di riserva. Allo stesso tempo, una quota minore di lavoratori aggiuntivi impiegati richiede l'attivazione di una quota minore di mezzi di produzione aggiuntivi, generando anche un surplus di capitale senza possibilità di investimento. Nelle parole di Marx, “eccesso di capitale e eccesso di popolazione”. Successivamente, l'accumulazione è possibile solo a tassi decrescenti, rendendo inattiva una parte del capitale, generando disoccupazione crescente e sovrapproduzione di beni.

In breve, l'equilibrio presupposto dagli schemi si rompe e l'economia entra in uno stato di disordine con conseguenze sociali negative sia per i capitalisti che per i lavoratori, questi ultimi colpiti principalmente dalla disoccupazione e dai tagli salariali. Una situazione che non può essere sostenuta a lungo senza fermare il capitalismo.

Ciò che Grossman dimostra, attraverso gli schemi di Bauer, è che proprio l'ipotesi necessaria per contrastare il sottoconsumo, un saggio di accumulazione crescente, genera necessariamente sovraccumulazione, poiché l'investimento cresce più velocemente del plusvalore generato. L'ipotesi sottoconsumista che ci siano barriere all'accumulazione accelerata è quindi giustificata, ma per la ragione opposta: il problema non sarebbe un surplus irrealizzabile, ma la relativa scarsità del surplus. Così:


“The capitalist mechanism falls sick not because it contains too much surplus value but because it contains too little. The valorization of capital is its basic function and the system dies because this function cannot be fulfilled. In explaining how this happens the logical unity and consistency of Marx’s system finds its most powerful expression.”


Le conclusioni di Grossman sul modello Bauer consentono anche di apprezzare gli schemi di Tugan-Baranowsky. Perché, come giustamente afferma Rosdolsky, l'esempio di Bauer è semplicemente un'illustrazione del “carosello” di Tugan, macchine che creano macchine: in entrambi i casi, la proporzione tra i dipartimenti, in uno schema a composizione organica crescente, può essere ottenuto solo se i capitalisti del dipartimento II trasferiscono continuamente capitale al dipartimento I, il che si traduce nella "ipertrofia irreale" del dipartimento I, "privo di qualsiasi senso economico". Infatti, nello schema esteso di Bauer, il capitale costante ammonta all'82,9% del prodotto annuo totale nel trentacinquesimo anno! Ma indipendentemente dal fatto che questa ipertrofia abbia o meno "senso economico", il punto è che indebolisce le proprie condizioni, diventando oggettivamente impossibile dopo un po'. Allo stesso modo, il vero problema della teoria della “produzione per la produzione” di Tugan e della sua ipotesi estrema di un'economia fatta solo di mezzi di produzione non è la mancanza di consumo ma la mancanza di profitto.

In una tale economia, semplicemente non ci sarebbe plusvalore e quindi nessun profitto; non ci sarebbe produzione capitalistica.

Dopo aver presentato la tendenza al crollo del capitalismo, Grossman può quindi analizzare le deviazioni da questa tendenza, i cicli economici e le crisi, rimanendo fedele al suo postulato metodologico. Si può parlare di tendenza al crollo perché dedotta dalla natura stessa dell'accumulazione capitalistica anche in condizioni di equilibrio, escludendo deviazioni periodiche. Questa è l'unica importanza degli schemi di riproduzione per il ragionamento di Grossman: mostrare che la tendenza al crollo per insufficiente valorizzazione è indipendente dalle sproporzioni, siano esse tra settori o tra produzione e consumo sociale.

I cicli economici, in questo approccio, sono ugualmente dettati dal movimento della redditività, pur presentandosi attraverso periodiche oscillazioni tra sottoaccumulazione e sovraccumulazione. All'inizio del ciclo, il saggio di accumulazione è inferiore a quello necessario per l'equilibrio: la redditività è ancora elevata e c'è ampia disponibilità di lavoro, mantenendo bassi i salari e, inoltre, c'è capitale di prestito inattivo. Questo scenario incoraggia l'accumulo e porta alla fase ascendente del ciclo. La disoccupazione diminuisce, i salari aumentano e il capitale inattivo è diretto verso investimenti produttivi. Ma man mano che il saggio di accumulazione cresce, il saggio del profitto comincia a diminuire finché, per le ragioni già accennate, non si raggiunge lo stadio di sovraccumulazione e il ciclo inizia la sua fase discendente.


La teoria del crollo di Marx è anche una teoria delle crisi, dice Grossman. Ma la concezione che l'autore sviluppa delle crisi e della loro relazione con il crollo è ben diversa dalla concezione sviluppata dalle teorie precedenti. Le crisi non sono, per Grossman, un mero momento della fase discendente del ciclo economico, tanto meno un temporaneo disallineamento tra produzione e mercato, o tra accumulazione e popolazione, né il culmine di qualsiasi tendenza alla depressione cronica. Le crisi sono il modo per evitare che il crollo diventi assoluto, trasformando la continua tendenza al crollo in una serie di cicli periodici di ascesa, crisi e ripresa:


“In this way the breakdown tendency, as the fundamental tendency of capitalism, splits up into a series of apparently independent cycles which are only the form of its constant, periodic reassertion. Marx’s theory of breakdown is thus the necessary basis and presupposition of his theory of crisis, because according to Marx crises are only the form in which the breakdown tendency is temporarily interrupted and restrained from realising itself completely. In this sense every crisis is a passing deviation from the trend of capitalism.”


Pertanto, la tendenza al crollo non si afferma direttamente a causa dell'influenza di una serie di controtendenze che ritardano o invertono temporaneamente il processo. In particolare, queste controtendenze si attivano durante le crisi, ripristinando il saggio di profitto e fornendo le condizioni per la ripresa del processo di accumulazione, risalendo al ciclo precedente fino alla nuova crisi. Perché la crisi porta con sé una svalutazione e distruzione del capitale, un calo dei salari, una riduzione del ritmo di accumulazione e favorisce l'esportazione di capitali verso paesi a bassa composizione organica. Tutti questi fattori aumentano la redditività e creano le condizioni per superare il disastro economico.

“The crisis is therefore, from the standpoint of capitalist production, a healing process through  which the valorisation of capital is restored [...]”.

Questa nozione di crisi come processo di ripresa del capitalismo corrisponde perfettamente alla descrizione di Marx della crisi come “la soluzione momentanea delle contraddizioni capitalistiche”. Naturalmente, questa idea non era affatto estranea ai marxisti che hanno preceduto Grossman. Bernstein, Kautsky e Rosa Luxemburg erano ben consapevoli che le crisi erano manifestazioni periodiche delle contraddizioni capitalistiche che creavano le condizioni per una rinnovata espansione del capitale. Ma mentre il primo sosteneva che le crisi erano state praticamente eliminate, gli altri due si accontentavano di sottolineare che la tendenza al sottoconsumo avrebbe portato a un progressivo aggravarsi delle crisi. D'altra parte, per Hilferding e Otto Bauer, il carattere transitorio delle crisi era semplicemente un riflesso dei cicli industriali, una fase in cui le proporzioni di equilibrio erano rotte. In ogni caso, la crisi, sebbene inerente al capitalismo, era ancora vista come un disadattamento.

In Grossman, al contrario, questa caratteristica delle crisi è l'elemento centrale della sua teoria. Le crisi, insieme alla tendenza al crollo, diventano un punto di svolta per il futuro del capitalismo. Si può dire che la realizzazione della crisi è allo stesso tempo la negazione del crollo. Per questo motivo, nell'opera di Grossman, i meccanismi attraverso i quali il capitale può ripristinare la redditività hanno un rilievo molto maggiore: l'analisi delle controtendenze occupa un terzo dell'edizione inglese del libro.

La sua esposizione è una ripresa e un ampliamento dell'elenco delle controtendenze alla caduta del saggio del profitto presentate da Marx nel libro III del Capitale. C'è una grande varietà di questi fattori, ma il loro effetto si riduce ad un aumento del saggio del plusvalore o ad una diminuzione del valore del capitale costante (e quindi della composizione organica). L'aumento della produttività e la razionalizzazione della produzione, la formazione dell'esercito industriale di riserva, la svalutazione del capitale costante, la riduzione del tempo di rotazione del capitale e la migrazione del capitale verso sfere produttive a bassa composizione organica sono tutti esempi di fattori che agiscono, in un modo o nell'altro, per aumentare il saggio del profitto. Grossman indica anche meccanismi che aumentano la quota di profitto trattenuta dai capitalisti industriali e quindi mettono a disposizione un volume maggiore di surplus per l'accumulazione: sono evidenti nella lotta del capitale industriale contro la rendita fondiaria e contro il profitto commerciale. Ancora più importante, l'imperialismo sarebbe un metodo privilegiato per ripristinare la redditività, attraverso lo scambio ineguale (trasferimento di valore dai paesi meno sviluppati ai paesi più sviluppati, man mano che i saggi di profitto si equivalgono), attraverso l'accesso alle materie prime e le opportunità di investimento in regioni a bassa composizione organica e sottoaccumulo.

Grossman interpreta le controtendenze come elementi che sorgono nella fase discendente del ciclo o nella crisi per aumentare la redditività, il che sarebbe un errore metodologico. Infatti le controtendenze sarebbero inerenti al processo di accumulazione e quindi non potrebbero essere introdotte nell'analisi nel momento finale. A questa critica si potrebbe aggiungere che Marx stesso tratta le controtendenze come forze che accompagnano il processo di accumulazione: il loro ruolo è di ritardare o invertire temporaneamente la caduta del saggio di profitto stesso, non il crollo stesso.

Questo è un punto dolente perché mostra una significativa sfocatura nella teoria di Grossman: le controtendenze di ripristino della redditività sono processi automatici che accompagnano l'accumulazione e si rivelano decisivi durante una crisi o sono meccanismi che il capitale utilizza per sopravvivere al crollo e il cui esito è incerto? Il problema è che Grossman non fa distinzione tra il ruolo delle controtendenze nel normale processo di accumulazione e nelle crisi. Ma nella sua esposizione è come se il normale processo di accumulazione, e la tendenza inerente al suo crollo che l'accompagna, si dispiegasse quando le controtendenze sono sottomesse dalla tendenza principale. A sua volta, il crollo verrebbe annullato quando si impongono le controtendenze, che con grandi probabilità si verificherebbero nelle crisi. Di qui il carattere indeterminato della teoria del crollo di Grossman, poiché se è certo il percorso dall'accumulazione al crollo, è incerta l'attualizzazione del crollo generale del capitalismo o il suo superamento attraverso la crisi. La fase ascendente del ciclo è prevedibile, così come la crisi, e l'effetto delle controtendenze è esatto, e la durata del periodo di espansione può essere stimata attraverso quattro fattori: la composizione organica del capitale, il saggio del plusvalore, saggio costante di accumulazione del capitale e saggio variabile di accumulazione del capitale.

Ma il processo di ripresa dalla crisi sarebbe, per sua natura, indefinito. Perché? Grossman non risponde, almeno non esplicitamente. Ma è possibile azzardare un'interpretazione guardando al carattere stesso delle controtendenze che discute. Durante l'espansione, l'accumulazione procede ad un determinato ritmo, e questo è determinato dai quattro fattori sopra menzionati. In questa fase le controtendenze rimangono attive e influenzano l'accumulo attraverso i loro effetti su questi stessi fattori. La crisi, però, genera una rottura nello stesso processo di accumulazione e il nuovo ritmo di accumulazione è indeterminato, cioè non si conoscono in anticipo i nuovi livelli “normali” dei fattori che determinano l'accumulazione. Le controtendenze appaiono più forti e si ha un'accumulazione indebolita, ma non è nemmeno possibile conoscerne gli effetti esatti nel nuovo e incerto scenario economico. Il risultato dipende dal rapporto di reciprocità delle numerose controtendenze e dalla loro forza di invertire lo stato di bancarotta economica elevando il saggio di profitto. Il crollo, invece, dipende dall'indebolimento di queste controtendenze:


“Once these countertendencies are themselves  defused or simply cease to operate, the breakdown tendency gains the upper hand and asserts  itself in the absolute form as the final crisis”.


Questo carattere indeterminato della teoria del crollo di Grossman, grazie alla sua prospettiva sulle controtendenze, è proprio ciò che introduce nella sua analisi la lotta di classe, il fondamento attivo. Grossman, quindi, anticipa le critiche e rifiuta ogni lettura “meccanicistica” della sua teoria. Come spiega lo stesso Grossman, in una lettera a Paul Mattick:


“Obviously, as a dialectical Marxist, I understand that both sides of the process, the objective and subjective elements influence each other reciprocally. In the class struggle these factors fuse. One cannot ‘wait’ until the ‘objective’ conditions are there and only then allow the ‘subjective’ factors to come into play. That would be an inadequate, mechanical view, which is alien to me. But, for the purposes of the analysis, I had to use the process of abstract isolation of individual elements in order to show the essential function of each element. Lenin often talks of the revolutionary situation which has to be objectively given, as the precondition for the active, victorious intervention of the proletariat. The purpose of my breakdown theory was not to exclude this active intervention, but rather to show when and under what circumstances such an objectively given revolutionary situation can and does arise.”


Così, fedele all'affermazione di Lenin che “non esiste una situazione assolutamente disperata” per il capitale, Grossman conclude la sua analisi con il ruolo della lotta di classe. Gli elementi oggettivi e soggettivi si intrecciano, non sono aspetti separati o addirittura complementari, sono manifestazioni dello stesso processo. Le discussioni sorte all'interno della Seconda Internazionale enfatizzavano entrambi gli aspetti, ma attraverso la loro separazione ed esteriorizzazione. Pertanto, Bernstein può facilmente contrastare la "teoria del crollo" del Programma di Erfurt con la lotta quotidiana a beneficio della classe operaia. Pertanto, Kautsky e Rosa Luxemburg, dopo aver assicurato l'inevitabilità della fine del capitalismo attraverso la mancanza di mercati, sono pronti a sottolineare che mentre il capitalismo si avvicina alla sua fine prevista, le condizioni della classe operaia peggiorano e la rivoluzione arriverà prima della catastrofe economica. Per lo stesso motivo, i detrattori della teoria del crollo, Tugan Baranowsky, Hilferding e Otto Bauer (e poi anche Kautsky), possono affermare di essere rimasti fedeli alla necessità storica del socialismo, avendo localizzato questa necessità nell'azione consapevole nella lotta di classe, che è certamente influenzata da crisi ricorrenti ma non coincide con gli effetti delle crisi. Più tardi, i bolscevichi sottoposero la teoria del crollo ad un trattamento basato sullo stesso ragionamento. Tutto questo non verrà affrontato in questo scritto. Ma ecco la differenza fondamentale tra la lettura di Grossman e le precedenti: nel rifiuto del legame esterno tra la tendenza al crollo e la lotta di classe.

La tendenza al crollo di Grossman è solo un'altra espressione della lotta di classe, il suo lato oggettivato. Questa relazione si manifesta in due modi. In primo luogo, la tendenza al crollo è essa stessa il risultato delle contraddizioni del capitalismo, basata sul carattere antagonistico della produzione capitalistica, sull'estrazione del plusvalore che è alla base del processo di valorizzazione del capitale. In questo senso, la tendenza è determinata fin dall'inizio dal confronto delle due classi, in quanto questo si esprime nelle forze economiche che influenzano il processo di accumulazione e decidono la forma e la velocità con cui avverrà il crollo: “[...] la sua irruzione nella realtà, ed entro certi limiti, è soggetta all'influenza di coscienti confronti delle due classi considerate”.


Nella crisi si pongono direttamente le due direzioni del rapporto tra lotta di classe e tendenza al crollo. Le classi si confrontano come soggetti sociali attivi e come oggetti di cieche leggi economiche. Per lo stesso motivo per cui difendevano le proprie rivendicazioni particolari, mirando a influenzare lo stesso processo di accumulazione, ora lavoratori e capitalisti devono lottare per difendere i loro interessi contro le inevitabili conseguenze di questo processo. L'esito di questa lotta definisce se il crollo avrà luogo o se si imporranno le controtendenze e lo trasformeranno in una crisi passeggera. In questa fase, la crisi diventa una “situazione rivoluzionaria oggettivamente data”. Se la lotta di classe politica fosse stata incanalata dalle forze economiche, la crisi fa di queste stesse forze economiche una questione direttamente politica.

Sebbene il primo caso non sia stato sviluppato esplicitamente da Grossman in questi termini, questo è il percorso tracciato dall'autore nella sua analisi della pauperizzazione. Grossman sostiene che, contrariamente a quanto pensano i critici di Marx, la teoria marxiana dell'accumulazione non esclude un miglioramento delle condizioni di vita del proletariato o un aumento dei salari reali; infatti, la teoria di Marx presuppone che tale miglioramento avvenga. I salari reali (in termini di valori d'uso) crescono con l'aumento della produttività, poiché questo aumento porta a una maggiore intensità del lavoro e fa sì che la forza lavoro abbia bisogno di un volume maggiore di valori d'uso per riprodursi. E questo accade anche se i salari diminuiscono in termini di valore. Le lotte salariali condotte dai lavoratori sarebbero, in realtà, tentativi di mantenere i salari reali al livello necessario per la riproduzione della forza lavoro, per recuperare il valore normale della forza lavoro di fronte alle pressioni dell'accumulazione.

Ma questo miglioramento trova il suo limite nell'accumulazione: quando si ferma, per insufficiente valorizzazione, finisce la crescita dei salari reali e dalla stagnazione arriviamo alla caduta.

"Ma questo equivale al peggioramento della situazione della classe operaia, all'aumento non solo della sua miseria sociale, ma anche della sua miseria fisica".

L'impoverimento è dunque il risultato inevitabile dello sviluppo dell'accumulazione, che dopo un certo punto non può che continuare a deprimere i salari.

Da quel momento in poi, cioè dall'emergere del crollo per scarsità di plusvalore, la lotta del proletariato per i mezzi di sopravvivenza e la lotta dei capitalisti per l'appropriazione del plusvalore, diventa una questione di vita e morte per il capitalismo e le forze politiche coinvolte:


“Solo dalla nostra interpretazione dell'accumulazione capitalistica è possibile comprendere perché, ai suoi livelli superiori, la stessa lotta per la distribuzione del reddito non è una mera lotta per conquistare migliori condizioni di vita per le classi coinvolte, ma piuttosto è un lotta per l'esistenza stessa del meccanismo capitalista. Solo allora possiamo comprendere il motivo per cui, ai gradini più alti dell'accumulazione capitalistica, ogni aumento significativo dei salari incontra difficoltà sempre maggiori e perché ogni lotta economica rilevante diventa una questione che riguarda l'esistenza stessa del capitalismo, cioè possiamo capire perché diventa una questione politica che riguarda il potere.”


L’originalità della teoria di Grossman risiede nell'articolazione tra la teoria dell'accumulazione nel primo libro del Capitale e la legge della caduta tendenziale del saggio del profitto nel terzo libro. Questo è il significato della “ripresa di Marx” di Grossman, e la discussione degli schemi di riproduzione del secondo libro serve solo a mostrare che questi non contraddicono il resto dell'opera di Marx. La critica del suo lavoro sarebbe stata certamente condotta meglio se fosse stata diretta alla stessa legge di Marx della caduta tendenziale del saggio di profitto. Ma questo evidentemente non si addiceva a un marxismo che si era abituato a usare il nome di Marx come legittimazione per qualunque posizione teorica richiesta dagli interessi del momento. Alla fine, rimane il riconoscimento, anche da parte dei suoi critici attuali, che l'ostilità nei confronti del lavoro di Grossman era in gran parte politicamente motivata. Ciò è dovuto alla posizione indipendente di Grossman rispetto alle dottrine di partito, siano esse socialdemocrazia tedesca, bolscevismo sovietico o "comunismo consiliarista" di sinistra. Inoltre, non è un caso che l'ultima grande difesa di una teoria del crollo prima di Grossman, quella di Rosa Luxemburg, abbia subito un'ostilità simile. Quindi la teoria del crollo e della crisi basata sulla caduta tendenziale del saggio di profitto era destinata ad avere scarso impatto sul marxismo per molto tempo.


 

Bollettino Culturale Copyright © 2016 | Created by Tarosky | Powered by Blogger Templates